/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Bellissimo Motore nuovo Sedili nuovi Stacco batteria Posti 2+2 porte estive Porte invernali Riscaldamento ...

Imbarcazione in ottimo stato, Coperta e pozzetto in teak-Falchetta e trincarni in mogano verniciato.Verricello...

Buono stato di conservazione sia estetica che funzionale, colore blu, parcheggiata in garage privato. Documentazione...

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | sabato 19 agosto 2017, 10:28

Savona, gabbiano reale appeso ad una delle torri del ponte Ruffino: salvato dai vigili del fuoco

Spiega l'Enpa: "Il povero volatile aveva ingoiato un amo con una lunga lenza che gli usciva dal becco e che è rimasta agganciata alla sommità della torre del ponte, allo foce del Letimbro"

 

Uno spettacolare salvataggio di un gabbiano reale appeso ad una delle torri del ponte Ruffino a Savona è stato compiuto dai vigili del fuoco, a lungo applauditi dai bagnanti.

Spiega l'Enpa: "Il povero volatile aveva ingoiato un amo con una lunga lenza che gli usciva dal becco e che è rimasta agganciata alla sommità della torre del ponte, allo foce del Letimbro; i molti bagnanti presenti hanno così assistito alla lunga sofferenza dell’animale appeso, che ogni tanto riacquistava forze e tentava inutilmente di volare via; poi qualcuno ha chiamato i pompieri, che hanno appoggiato al montante della torre una lunga scala ed hanno recuperato il gabbiano, ricevendo uno scrosciante applauso dai numerosissimi e preoccupati presenti; nel frattempo erano stati allertati dai Vigili del Fuoco i volontari della Protezione Animali savonese, che lo hanno preso in cura per estrarre l’amo". 

E’ il terzo uccello marino ferito da ami e lenze, abbandonati o perduti dai pescatori, recuperato dall’Enpa in pochi giorni (i precedenti a Spotorno ed Albenga); gli attrezzi da pesca sportiva, soprattutto le esche artificiali costituite da finti pesci irti di ami e identici a quelli veri, si stanno rivelando un grosso problema per gli uccelli della costa ma ottenere zone ed arnesi vietati alla pesca è impossibile: le poche aree marine protette sono piccolissime ed anche lì è quasi ovunque permessa la pesca sportiva; all’Enpa ed a chi ama davvero il mare ed i suoi abitanti, pesci, mammiferi ed uccelli, non rimane che confidare sulla già lodevole attività di vigilanza della Guardia Costiera contro la maleducazione e l’insensibilità che regnano sulle spiagge.

 

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore