/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Libera su 3 lati: camera, sala, bagno, cucina con uscita in giardino. Terreno 13.000 mt bosco castagni e frutteto....

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | sabato 09 settembre 2017, 09:16

Giordano: “Ceriale è la città dei gemellaggi naufragati”

Il capogruppo della lista “Voi”: “Sono eventi organizzati solo a fini elettorali e poi dimenticati. Ciò causa un danno di immagine al paese”

Ieri Savonanews ha dato la notizia di una delegazione di Ceriale in visita a Casale di Scodosia, in provincia di Padova. A Ceriale, infatti, vive una nutrita comunità discendente da questa cittadina veneta di circa 5000 abitanti (leggi QUI).

La vicenda lascia perplesso Luigi Giordano, capogruppo della lista civica “Voi”: “Sono favorevole ai gemellaggi, ma devono essere fatti bene, con basi solide, per mettere in atto uno scambio socio-culturale e una ricerca delle radici.

Ho notato che il primo gemellaggio con una città della Polonia è naufragato, causando una vera figura meschina e un danno di immagine per tutto il nostro paese: là ci hanno riservato una grande accoglienza, una targa, mentre da noi di tutto questo neanche l’ombra. Cinque anni fa, casualmente sotto elezioni (e sottolineo casualmente), è partito il progetto del gemellaggio con Cetara. Oggi gli unici rapporti che Ceriale tiene con Cetara non partono dal Comune ma da un’associazione di privati, la Ok Ceriale. La targa prevista io non l’ho mai vista affissa in nessun punto del paese. Un altro vergognoso silenzio. Oggi, casualmente (e sottolineo di nuovo casualmente), ancora una volta alla vigilia delle elezioni, che saranno nel 2018, ci si ricorda delle origini di Casale di Scodosia”.

Conclude Giordano: “Non vorrei che fosse un altro naufragio e l’ennesima brutta figura. Per portare a casa dei voti non bastano i gemellaggi, bisogna essere vicini ai cittadini, nella buona e nella cattiva sorte. I cerialesi che hanno origine a Cetara e Casale di Scodosia votano con la propria testa, vedendo ciò che è stato fatto, non si fanno certo influenzare da un gemellaggio”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore