/ Solidarietà

Spazio Annunci della tua città

Selezioniamo collaboratori ambo i sessi di età min. 23 anni, per lo sviluppo del mercato di sanità integrativa per...

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Auto tenuta sempre in garage, ottime condizioni. Grigio Metallizzata, interni in pelle nera, sedili riscaldabili,...

Centralissimo vicinissimo mare in viale Martiri della Liberta` contratto 4+4 residente arredato 11 vani 177mq....

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Solidarietà | sabato 09 settembre 2017, 15:54

La lista Agorà lancia un appello: "Alassio aiuti Monesi"

Monesi è legata a doppio filo con Alassio sia per motivi turistici, sia perché molte famiglie alassine possiedono la seconda casa nella località sciistica

Il Gruppo Consigliare Agorà chiede al Presidente del Consiglio Comunale di Alassio di inserire all'ordine del Giorno del primo consiglio utile una mozione incentrata sui danni causati dal maltempo, in particolar modo nella zona di Monesi.

Nel testo presentato da Agorà si legge: "Recenti eventi idrogeologici calamitosi hanno causato ingenti danni al nostro entroterra, evidenziando una volta di più la fragilità del nostro territorio, sia costiero che montano; è necessaria e improrogabile l'emanazione dello stato di emergenza da parte del governo; la calamità ha causato l’interruzione di numerose strade di collegamento con le località dell’entroterra, isolando comuni montani e loro frazioni, nonché l'interruzione di servizi pubblici essenziali, tra cui la fornitura di acqua potabile, a causa della rottura di acquedotti comunali.

Tra le località gravemente colpite dall'evento troviamo la zona sciistica di Monesi, che ha visto totalmente crollata la strada provinciale, gravemente danneggiato il suo borgo antico, danneggiato l’acquedotto con conseguente interruzione della fornitura, ed è rimasta completamente isolata sia dalla restante parte della provincia di Imperia che dalla confinante provincia di Cuneo e dalla Francia, rischiando di rimanere per lungo tempo fuori da qualsiasi circuito turistico estivo e invernale, con pesanti riflessi economici negativi su tutti i Comuni montani limitrofi e con pesanti ripercussioni anche sul richiamo turistico costiero, che ha sempre trovato sfogo in tale meravigliosa realtà naturalistica; tutto ciò impedirà di fruire di un territorio che vanta in 45 Km la presenza del mare e di rilievi alpini di tutto rispetto, rappresentando un elemento di grande importanza per la nostra offerta turistica , specie in questi ultimi anni che vedono uno stallo del turismo prettamente costiero ed un costante incremento dell’ecoturismo con un particolare interesse verso il trekking in montagna e l’offerta enogastronomica dell’entroterra.

Considerato anche che tante famiglie Alassine sono proprietarie di seconde case nelle località colpite dagli eventi calamitosi impegniamo il Sindaco ad adoperarsi presso tutti gli Enti deputati, per il ripristino delle normali condizioni di vita e per la soluzione delle gravi problematiche causate dalle calamità naturali, al fine di agevolare in ogni modo la messa in sicurezza, il ripristino della viabilità e la ripresa delle attività nelle frazioni dell'entroterra colpite, prendendo eventualmente contatto con altri Sindaci interessati al fine di individuare quali iniziative collettive poter intraprendere, nonché a farsi portatore insieme a tutti gli altri comuni costieri, alla Provincia di Savona e Imperia e di Cuneo e alla Regione Liguria della necessità che vengano stanziati dal Governo Italiano e dall'Europa fondi specifici a favore della zona di Monesi, rivestendo quest'ultima una grande importanza per l’economia globale delle due province confinanti e della confinante Francia, e un valore naturalistico, tradizionale e culturale inestimabile per le comunità italiane e francesi che da anni cooperano in tale area transfrontaliera.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore