/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Imbarcazione in ottimo stato, Coperta e pozzetto in teak-Falchetta e trincarni in mogano verniciato.Verricello...

Buono stato di conservazione sia estetica che funzionale, colore blu, parcheggiata in garage privato. Documentazione...

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | mercoledì 13 settembre 2017, 22:30

Videopoker e slot machine in funzione già dal mattino presto. Non tutti rispettano l'ordinanza del sindaco ad Albenga

La segnalazione arriva da una nostra lettrice; i controlli sono attivi da parte della Polizia Locale. Il sindaco Cangiano: "La ludopatia è una grave malattia, molte persone si sono rovinate"

Partono le verifiche ed i controlli relativi all’ordinanza emessa dal sindaco di Albenga Giorgio Cangiano che limita ad otto ore al giorno, dalle ore 10 alle 12 e dalle 16 alle 22 l’utilizzo delle macchinette slot machine e videopoker.

A tal proposito anche alla redazione di www.savonanews.it era arrivata la segnalazione di una nostra lettrice che ha evidenziato come già al mattino presto in alcuni bar dell’albenganese le macchinette slot erano accese e funzionanti.
La limitazione di orario era stata adottata nel tentativo di contrastare le ludopatie una problematica, purtroppo, sempre più diffusa.

Afferma il sindaco Giorgio Cangiano: "La Polizia Locale ha fatto e continua a fare i controlli necessari per far rispettare l’ordinanza. Alcune sanzioni sono già state comminate e se emergeranno altre violazioni, purtroppo verranno presi i provvedimenti del caso". 

"Noi sappiamo che la ludopatia è una grave malattia e purtroppo ci sono persone che per questo tipo di problemi si sono rovinate ed hanno rovinato le loro famiglie. Credo sia stato fatto un passo avanti molto importante a livello nazionale, sembra, infatti, essere stata presa una decisione più ampia che ha visto il parere favorevole di tutte le regioni che da un indirizzo univoco su tutto il territorio.  Questo credo sia il modo più giusto per affrontare il problema. La norma deve stabilire determinate regole a tutela di queste situazioni che sono particolarmente delicate. Io credo che tutti siamo d’accordo sul fatto che la ludopatia venga combattuta. Si tratta di un problema del nostro tempo che potrebbe colpire chiunque, anziani, ragazzi e tutti i ceti sociali. Spesso si vedono patrimoni interi dilapidati in questo modo e credo che tutti dovremmo fare il possibile per contrastare questo fenomeno".

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore