/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Imbarcazione in ottimo stato, Coperta e pozzetto in teak-Falchetta e trincarni in mogano verniciato.Verricello...

Buono stato di conservazione sia estetica che funzionale, colore blu, parcheggiata in garage privato. Documentazione...

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | mercoledì 13 settembre 2017, 12:06

Protezione civile: l'assessore Giampedrone: "Dal 1 ottobre operativa la prima app “Live Storm” per prevenire i temporali"

Ed aggiunge: "L'ultimo tassello di ammodernamento del sistema"

Dopo le allerte dei giorni scorsi, un altro tassello si va ad aggiungere al progetto di ammodernamento del settore della Protezione civile in Liguria: dal 1 ottobre sarà operativa una applicazione gratuita, denominata “Live Storm” che fornirà informazioni in tempo reale sulla localizzazione dei temporali sul territorio ligure. E’ stata presentata questa mattina, nell’ambito dell’evento finale del progetto europeo URAMET (Unione dei Radar Metereologici) che si è svolto a S. Lorenzo al Mare alla presenza dell’assessore regionale della Protezione civile Giacomo Giampedrone,  del dirigente responsabile del settore Protezione civile della Liguria Stefano Vergante, del direttore generale di Arpal, Carlo Emanuele Pepe, insieme al direttore generale di  ARPA Piemonte Angelo Robotto.

Dal 1 ottobre i cittadini liguri potranno scaricare sui loro cellulari, gratuitamente, per Android e Apple l’applicativo, basterà digitale Livestorm.

“Si tratta di un ulteriore tassello che va a completare il percorso di ammodernamento del sistema di Protezione civile e di comunicazione diretta con i cittadini -  spiega l’assessore Giampedrone - E’ una sfida ambiziosa, anche alla luce degli ultimi fatti avvenuti sul territorio toscano in cui è evidente per tutti come il problema sia la consapevolezza del rischio per i cittadini. Il passo avanti di oggi sta nell’informazione in tempo reale e nella prevenzione, tanto più necessaria in una regione, come la Liguria, esposta al rischio idrogeologico e idraulico”.

Il Progetto URAMET, nato dalla collaborazione tra Regione Liguria, ARPA Piemonte e il territorio francese, è stato finanziato dall’Unione Europea per un importo complessivo di circa 1,2 milioni, di cui 500mila euro impiegati per l’ammodernamento delle componenti del Radar Monte Settepani in provincia di Savona, in comproprietà con Regione Piemonte, per migliorare la conoscenza dei fenomeni temporaleschi.

“Si tratta di un ammodernamento strutturale – ha aggiunto l’assessore regionale alla Protezione civile - che, insieme alla nuova App “LiveStorm”, potrà migliorare  le osservazione dei fenomeni in atto e la percezione del rischio meteo. Inoltre il rapporto tra enti è importante perché i fronti di perturbazione attraversano i confini regionali e pertanto serve una grande collaborazione per salvare vite umane e rendere il più capillare possibile il sistema di Protezione civile”.

Le nuove componenti installate sul Radar, già operative, permettono il monitoraggio, in tempo reale, di oltre 90.000 kmq di territorio dal sud della Francia a tutta la Liguria e Piemonte, già consultabile in tempo reale, con un normale collegamento internet dalla sezione dati del sito www.allertaliguria.it.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore