/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | lunedì 25 settembre 2017, 09:50

Albenga, controllo del territorio: in manette due pusher

Si tratta di due cittadini irregolari sul territorio nazionale e senza fissa dimora di 30 e 32 anni

Ieri notte, i Carabinieri della Compagnia di Albenga diretta dal Maggiore Sergio Pizziconi, già impegnati da settimane in una incessante attività di approfondito e sistematico controllo del territorio nella Città delle Torri, attuando una serie di perquisizioni personali e veicolari, specie in orario notturno, hanno tratto in arrestato in flagranza di reato due pusher di origine marocchina.

Si tratta di due cittadini irregolari sul territorio nazionale e senza fissa dimora di 30 e 32 anni, osservati dai militari in vico Rossi, in cui da tempo era stata segnalata un’attività di spaccio.

I Carabinieri li hanno entrambi bloccati in via Mameli, all’altezza dell’oleificio “Sommariva”. Uno di loro ha perfino inscenato crisi nervosa, per distrarre i militari, proprio al fine di consentire al secondo pusher di nascondere velocemente lo stupefacente (circa 5 grammi di cocaina pura ancora da “tagliare”) sulla ruota di un’autovettura parcheggiata in quella via. Purtroppo per i malviventi, i Carabinieri avevano già capito le loro l’intenzione, hanno recuperato il sacchetto di polvere bianca e subito dopo li hanno ammanettati. Uno dei due nordafricani era solito dimorare all’interno dei palazzi “Giallombardo” di via Carloforte, ma la mattina del blitz nell’ ex cantiere (avvenuto venerdì scorso) lui non è stato trovato. L’hanno beccato invece ieri notte e lo hanno arrestato per l’ennesima volta.

Dopo la perquisizione personale dei due arrestati, i militari del Nucleo Radiomobile ingauno hanno sequestrato 400 euro. La somma era probabilmente il frutto della droga venduta fino a quel momento. Gli arrestati sono stati rinchiusi nelle camere di sicurezza della Compagnia di Albenga in attesa di essere sentiti a giudizio con rito direttissimo stamattina davanti al Tribunale di Savona.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore