/ Solidarietà

Spazio Annunci della tua città

Bellissimo Motore e frizione nuovo Sedili nuovi Stacco batteria Posti 2+2 porte estive Porte invernali ...

Imbarcazione in ottimo stato, Coperta e pozzetto in teak-Falchetta e trincarni in mogano verniciato.Verricello...

Bellissimo Motore e frizione nuovo Sedili nuovi Stacco batteria Posti 2+2 porte estive Porte invernali ...

Buono stato di conservazione sia estetica che funzionale, colore blu, parcheggiata in garage privato. Documentazione...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Solidarietà | martedì 26 settembre 2017, 08:23

Varazze, tartaruga d'acqua abbandonata in una piccola fontana: indaga l'Enpa

Chi fosse in possesso di informazioni utili è pregato di telefonare al numero 019 824735 o inviare una mail a savona@enpa.org

 

Una tartaruga d’acqua è stata abbandonata ieri in una piccola fontana piena di acqua sporca, situata nel centro storico di Varazze; il rettile, per le sue dimensioni, è stato appoggiato di traverso ed ha rischiato di morire annegata nella poca acqua, se non fosse stata scorta dagli avventori di un bar vicino, che l’hanno estratta dall’incomoda posizione. La bestiola è poi stata presa in consegna dai volontari della Protezione Animali savonese, che ora la stanno curando nella sede di Savona.

Le guardie zoofile volontarie dell’Enpa stanno conducendo gli accertamenti per individuare e denunciare il responsabile dell’abbandono; chi fosse in possesso di informazioni utili è pregato di telefonare al numero 019 824735 o inviare una mail a savona@enpa.org.

Ora i volontari sperano di trovarle una famiglia adottiva, che possegga un giardino con laghetto; chi è interessato può vederla presso la sede Enpa a Savona in via Cavour 48 r, da lunedì a sabato, dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19, telefono 019 824735.

Sconsolati i volontari dell’Enpa, di fronte all’ennesimo recupero di una tartaruga "orecchie gialle" abbandonata; acquistate liberamente in negozi di animali quando sono piccole e graziose, vengono spesso abbandonate quando diventano ingombranti ed il bambino che l’aveva voluta è cresciuto ve non se ne interessa più; è originaria degli Stati Uniti e l’Enpa chiede inutilmente da tempo che ne venga vietata l’importazione, l’allevamento e la vendita ma, per ora, la proibizione vige soltanto per la specie "orecchie rosse".

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore