/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 10 ottobre 2017, 12:01

Savona, presentati agli studenti al Nuovo FilmStudio i Giochi Europei Paralimpici Giovanili

L’assessore Scaramuzza: “Vogliamo far conoscere ai nostri ragazzi il sudore e la fatica che fanno gli atleti paralimpici, invitiamo tutti a venire alla Fontanassa”

Savona, presentati agli studenti al Nuovo FilmStudio i Giochi Europei Paralimpici Giovanili

Questa mattina al Nuovo FilmStudio oltre 200 studenti degli Istituti Secondari Superiori di Savona hanno avuto l’opportunità di conoscere, attraverso le testimonianze dirette di atleti e video informativi, i Giochi Europei Paralimpici Giovanili che avranno luogo dal 12 al 14 ottobre al centro sportivo polivalente della Fontanassa ospitando le gare di atletica leggera.

“Vogliamo far conoscere ai ragazzi cos’è la disabilità olimpica, cos’è lo sport e la disabilità- spiega l’assessore allo Sport Maurizio Scaramuzza- abbiamo fatto vedere un video del Professor Di Gerlando e uno sugli atleti disabili come Zanardi e Bebe Vio e dal silenzio in sala credo che abbiano capito il sudore e la fatica che fanno questi ragazzi”.

“Gli atleti tra ieri e oggi sono arrivati a Savona - continua Scaramuzza - domani mattina avremo la sfilata a Genova e da giovedì, venerdì e sabato avremo le gare alla Fontanassa e a Genova. I savonesi devono essere positivi e propositivi invito a venire tutti al centro sportivo”. Sulla questione della mancanza di posti auto l’Assessore Scaramuzza è stato chiaro:”Sui parcheggi non siamo riusciti a trovare una quadratura del cerchio per vari motivi, quel parcheggio è mio e me lo voglio riprendere”.

La Dott.ssa Montalbetti ha introdotto inoltre la proiezione di un cortometraggio del regista Riccardo di Gerlando, premiato in tutto il mondo, che vede come protagonista Marco, un bravissimo attore con sindrome di Down.

Prima della visione del corto Simone Capelli e Massimiliano Tonon, atleti paralimpici hanno voluto raccontare la loro storia e come lo sport li abbia aiutato in un momento difficile della loro vita: “Mi sono reinventato la vita attraverso lo sport - dice Simone Capelli, campione italiano sollevamento pesi e Presidente regionale federazione sollevamento pesi- si abbattono tutte le barriere e si ricomincia a gioire della vita, sono riuscito grazie a questo a creare il sollevamento pesi su panca, lo sport accumuna tutti noi  e esistono tre grandi valori da mai dimenticare, cuore-mente-corpo”.

“Ho passato alcuni anni a capire me stesso dopo l’incidente - spiega Massimiliano Tonon, in passato campione del mondo di tiro al volo - fortunatamente mi sono trasferito nella provincia di Savona e mi sono cimentato in alcuni sport come il tennis, il ping pong e sollevamento pesi poi ho provato il tiro al volo e mi ha entusiasmato e dopo un po’ di tempo sono arrivati anche ottimi risultati. Quando ci metti te stesso ogni ostacolo si può superare”.

La presentazione dei Giochi è nata dalla collaborazione tra Assessorato allo Sport del Comune di Savona, Centro Giovani dell'ASL2, CESAVO, Forum del Terzo Settore e Comitato Paralimpico. È stata creata una rete tra istituzioni e associazioni che vedrà la possibilità di iniziative future sia nelle scuole che con la popolazione, per stimolare l’avvicinamento dei giovani disabili a importanti realtà sportive che già accolgono atleti da tempo.

La sensibilizzazione è necessaria in quanto la cittadinanza, e i giovani in particolare, conoscono solo parzialmente la realtà dello sport paralimpico. Infatti, dai dati di una ricerca del Centro Giovani, attualmente ancora in itinere, su un campione ancora parziale di 311 studenti di 14 anni, solo il 64% conosce il significato di “sport paralimpico” e di questi, il 48% lo attribuisce solo ad atleti con gravi problemi motori (in “carrozzina”) e non ad altre forme di disabilità.

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium