/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Bellissimo Motore e frizione nuovo Sedili nuovi Stacco batteria Posti 2+2 porte estive Porte invernali ...

Imbarcazione in ottimo stato, Coperta e pozzetto in teak-Falchetta e trincarni in mogano verniciato.Verricello...

Bellissimo Motore e frizione nuovo Sedili nuovi Stacco batteria Posti 2+2 porte estive Porte invernali ...

Buono stato di conservazione sia estetica che funzionale, colore blu, parcheggiata in garage privato. Documentazione...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | giovedì 12 ottobre 2017, 12:54

Il Comune di Pietra Ligure fa il punto su piazza Vittorio Emanuele II

Il sindaco Valeriani: "Sarà una piazza non bella, ma bellissima"

Oggi l'amministrazione comunale di Pietra Ligure ha organizzato una conferenza stampa per presentare il proprio "piano d'azione" relativo alla trasformazione di piazza Vittorio Emanuele II.

Commenta il sindaco di Pietra Dario Valeriani: "Si tratta di un incontro chiarificatore per definire lo stato delle cose. Abbiamo fatto delle scelte di valorizzazione di scuole e impianti sportivi, presto inaugureremo una parte del palazzetto rimessa a nuovo, per i giovani, le scuole e lo sport sono stati fatti investimenti significativi. Ora c'è la volontà di lavorare sulle piazze: piazza Canonico Morelli è stata messa in sicurezza dal punto di vista idraulico e del vicino torrente Maremola".

Prosegue Valeriani: "Stiamo lavorando sulla zona del Soccorso e prima di Natale la piazza sarà totalmente gestibile. Oltre S. Corona, a Ponente, i privati stanno lavorando su aree che entro 60 giorni saranno completate. Apriremo così una piazza sul ponente dove non esisteva". 

"Vogliamo ripavimentare piazza S. Nicolò e lavoreremo sul sagrato della chiesa. Veniamo così a piazza Vittorio Emanuele II: vogliamo valorizzarla come luogo fruibile dalle persone e come riferimento sociale e commerciale. Per noi è fondamentale, pur con le critiche di chi legittimamente la pensa in modo diverso. Lavoreremo sulla viabilità pedonalizzando il centro storico, scelta importante e pagante. Un percorso di continuità con quanto già fatto dall'amministrazione precedente, trasformando il centro in un grande e ricco centro commerciale a cielo aperto. In Costa Azzurra è addirittura impossibile entrare in auto nei centri urbani dei piccoli paesi" spiega il primo cittadino. 

L'assessore Francesco Amandola entra nel merito degli aspetti tecnici: "Era l'ultima zona del centro ancora non pedonalizzata. Togliendo la viabilità recuperiamo anche la pedonalizzazione in piazza Martiri della Libertà (U Fossu). Nel mio libro dei sogni c'è il senso unico sulla passeggiata, per recuperare anche posti auto. Ora però restituiremo dignità a una piazza che ha potenzialità enormi e sottostimate".

"Soste selvagge di auto e scooter, alberi spaiati, spazi limitati che impedivano qualsiasi forma di manifestazione, due ordini di gradini, quindi barriere architettoniche. Una situazione di degrado che vogliamo cancellare. Il tutto per una cifra di 230 mila euro, non stiamo parlando di milioni. Un'amministrazione deve fare delle scelte - spiega Amandola - Il parco Offenburg, voluto dalla precedente amministrazione, è costato 850 mila euro. Avremmo fatto quattro piazze con quei soldi. Sulla tipologia di pavimentazione ci siamo ispirati a Copacabana a Rio De Janeiro e piazza Rossio a Lisbona. Ma è uno stile estetico diffuso in diversi luoghi di valenza turistica. Copacabana è un esempio di architettura a livello mondiale".

"Estetica, funzionalità, economia: nasceranno nuove attività, dehors più moderni, realizzeremo eventi. Prima di Natale finiranno i lavori e solo allora potremo essere giudicati. Abbiamo scelto ottobre e novembre perché sono mesi tranquilli, che consentono di minimizzare i disagi. Qualcosa bisogna sopportare, in termini di disagio, per avere il lavoro fatto. Nessun albero è stato ucciso, sono stati trapiantati in un terreno del comune sopra piazza S. Anna e questa è la stagione migliore per farli attecchire, ripopoleranno un'area che prima era brulla. Abbiamo dovuto solo tagliare una palma uccisa dal punteruolo rosso. Il monumento andrà in via Matteotti di fronte all'elica, in accordo con gli alpini. Avrà così miglior visibilità e valorizzazione. Su piazza Vittorio Emanuele II resteranno il finto pepe e tre magnolie,  oltre a due palme (di cui una monumentale), mentre arriveranno nuove magnolie disposte logisticamente in modo da valorizzare gli spazi" commenta l'assessore Amandola. 

Aggiunge il sindaco: "Punteremo ad avere più piante possibili ma con gusto estetico e omogeneità. Non dimentichiamo che gli oleandri sono tossici e questo non è positivo in una piazza frequentata da anziani e bambini. Neanche un solo commerciante della zona si è dichiarato contrario. Le soste selvagge di auto e scooter non piacevano a nessuno".

Ancora Amandola: "Un agronomo sta analizzando la situazione delle piante e degli apparati radicali per capire che cosa è meglio per la valorizzazione della piazza e del suo verde. L'agronomo sta anche suggerendo le migliori alberature per l'area. Nei centri storici non si può ragionare come in un bosco: bisogna valutare piante che non siano invasive né come crescita, né come radici". I sottoservizi in quella piazza erano già efficienti, c'è un circuito di acque bianche che funziona e continuerà a funzionare. Altri servizi (come le fognature) non ci sono. E sarà restaurata la storica fontanella".

Aggiunge Valeriani: "Per il traffico si creeranno nuovi sbocchi nell'area ex cantiere navale e sul lungomare. Finale, Loano e Spotorno hanno un senso unico in passeggiata. Possiamo ragionarci anche noi - precisa il sindaco - Gli aventi diritto, come disabili e carico/scarico, potranno accedere. Ma avremo meno traffico e meno inquinamento". 

"Non abbiamo dimenticato piazza Vecchia, via Libertà e via Cavour. Altre amministrazioni prima di noi hanno dirottato quei fondi in opere ritenute prioritarie, altrimenti da parte nostra sarebbero già completate. E non dimentichiamo le problematiche legate alla crisi dell'edilizia e conseguentemente degli oneri di urbanizzazione. Ma stiamo lavorando in modo molto forte per ottenere ottimi risultati anche sulla riqualificazione di piazza Vecchia, via Libertà e via Cavour, per oltre 450 mila euro" - conclude Valeriani - Sarà una piazza non bella, ma bellissima".

Alberto Sgarlato

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore