/ Solidarietà

Spazio Annunci della tua città

Bellissimo Motore e frizione nuovo Sedili nuovi Stacco batteria Posti 2+2 porte estive Porte invernali ...

Imbarcazione in ottimo stato, Coperta e pozzetto in teak-Falchetta e trincarni in mogano verniciato.Verricello...

Bellissimo Motore e frizione nuovo Sedili nuovi Stacco batteria Posti 2+2 porte estive Porte invernali ...

Buono stato di conservazione sia estetica che funzionale, colore blu, parcheggiata in garage privato. Documentazione...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Solidarietà | giovedì 12 ottobre 2017, 09:30

Sassello: l'Enpa soccorre un piccolo assiolo, ma il volatile muore poco dopo

Il decesso è avvenuto a causa di una grave emorragia interna

 

Un assiolo, piccolo uccello rapace notturno, è stato soccorso dai volontari della Protezione Animali savonese a Sassello in zona parco del Beigua; il volatile, con una grave emorragia interna, è stato subito sottoposto a cure veterinarie ma è morto dopo poche ore.

I volontari dell’Enpa devono accorrere spesso, da Savona, nelle aree del parco per recuperarvi animali selvatici feriti, malati o in difficoltà perché il gestore, il geoparco del Beigua, non intende prendersene cura; un comportamento identico viene tenuto dall’area marina e terrestre di Bergeggi e dalle altre aree protette della provincia, come la riserva dell’Adelasia del comune di Cairo Montenotte.

In effetti le attuali leggi, nazionale e regionali che disciplinano le aree protette, nulla prevedono sul soccorso della fauna selvatica ma è evidente che si tratta di una grave lacuna legislativa che denota la diffusa insensibilità dei parlamentari verso il mondo animale; consci del vuoto normativo ma anche dell’accresciuta sensibilità della gente, alcuni parchi nazionali e regionali hanno aperto o sostengono centri di recupero; nulla di tutto ciò accade ancora in Liguria, dove soprattutto i turisti, italiani e stranieri, si meravigliano che i selvatici in difficoltà all’interno di parchi e riserve naturali siano soccorsi solo dai volontari dell’Enpa, associazione privata che non ha mai avuto aiuti dallo stato, invece che dai gestori, che ricevono finanziamenti statali e regionali (anche se ridotti in questi anni) per il loro funzionamento.

Particolarmente pesante la situazione nel parco del Beigua; per arrivare e tornare dalla zona, i volontari dell’Enpa si spendono solo di benzina almeno 15 euro, a cui poi vanno aggiunte le spese per le cure, la riabilitazione e la liberazione, spesso decisamente più alte; come quelle di diverse centinaia di euro anni addietro per un biancone, simbolo del parco ed oggetto di manifestazioni e convegni ma senza “mutua”.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore