/ Eventi

Eventi | mercoledì 18 ottobre 2017, 13:00

Alla Ubik di Savona due giorni di incontri su gioco d'azzardo e Banca Carige

Due appuntamenti da non perdere, riguardanti temi di stretta attualità

Due incontri, su due importanti temi di attualità a Savona: la piaga del gioco d'azzardo e la crisi della Banca Carige, moderati da due giornalisti de Il Secolo XIX.

Giovedì 19 ottobre  ore 18: incontro con Simone Feder e Anna Polgatti e presentazione del libro “No slot. L'azzardo non è un gioco”.

Introduce la giornalista de Il Secolo XIX Silvia Campese. 

Adriano e Tommaso sono due fratelli di 9 e 13 anni che hanno vissuto sulla loro pelle il problema della dipendenza da gioco d'azzardo del padre e hanno deciso di raccontare questa esperienza per far conoscere ai loro coetanei il fenomeno dell'azzardo e le sue implicazioni…

Utilizzando questo escamotage narrativo, lo psicologo Simone Feder, uno degli storici fondatori del movimento ''No slot'', costruisce con un linguaggio fresco e calibrato anche sui giovani (dagli 8 ai 99 anni) un manuale semplice e completo sulla diffusione dell'azzardo a Savona e nella società italiana, e sulle conseguenze drammatiche a livello sociale e individuale che spesso comporta, suggerendo anche progetti, iniziative e azioni per combatterlo,  come la tessera del giocatore o l'ordinanza sugli orari che a Savona ha permesso di ridurre la spesa per gioco di 17 milioni di euro.

Venerdì 20 ottobre  ore 18: incontro con la giornalista Carlotta Scozzari e presentazione del libro “Banche in sofferenza. La vera storia della Carige” (Editore goWare). Partecipano i giornalisti Ferruccio Sansa e Matteo Indice. 

Ecco finalmente il libro che racconta la vera storia della Banca Carige a Savona, dal buco finanziario del caso Nucera a quello Orsero,  e le prospettive negative che si intravedono per il futuro dei nostri risparmi. Cos'è successo a Carige, la banca italiana più amata dai liguri? Come mai nel 2017 ha nuovamente bisogno di chiedere soldi agli azionisti per la terza volta in quattro anni? Per dare una risposta, dobbiamo seguire il percorso tortuoso dei fiumi di denaro che attraversarono la banca per vent'anni e che, nella maggior parte dei casi, si formarono al suo interno per poi sfociare in mari spesso sconosciuti. Per tracciare questi flussi e comprendere i motivi della mancata rinascita di Carige dobbiamo partire dalla storia del suo ex presidente, Giovanni Berneschi, e immergerci nei fiumi di carta che arrivano fino ai giorni nostri.            

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore