Elezioni comune di Albenga

Elezioni comune di Pietra Ligure

 / Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 19 ottobre 2017, 18:30

Albenga: all’asta terreni agricoli, azienda e appartamenti di Ascheri

Si parla di un vero e proprio patrimonio milionario (circa 6 milioni sulla base della perizia estimativa redatta dall’architetto Tullio Ghiglione) finito sul sito delle vendite giudiziarie del Tribunale di Savona

Albenga: all’asta terreni agricoli, azienda e appartamenti di Ascheri

Nuova asta con scadenza per il prossimo 14 dicembre per terreni agricoli, azienda e appartamenti dell'azienda agricola di Ascheri.

Si parla di un vero e proprio patrimonio milionario (circa 6 milioni sulla base della perizia estimativa redatta dall’architetto Tullio Ghiglione) finito sul sito delle vendite giudiziarie del Tribunale di Savona.

Sono 17 i lotti venduti ed alcuni di ingente valore commerciale, 1.040.000 euro per un terreno in via dell’Agricoltura, 2.750.000 per via Collodi, ma anche negozi ed appartamenti siti a Vadino il cui valore ammonta a diverse centinaia di migliaia di euro.

Pare che Ascheri abbia subito la crisi che ha colpito l’intero settore agricolo negli ultimi anni e che non sia riuscito a rientrare di alcuni debiti contratti  anche con alcuni istituti bancari, la vendita dei beni pignorati è stata disposta su istanza del creditore, la Banca di Credito Cooperativo Alba Langhe e Roero.

Come si legge sul sito dedicato l'Azienda Agricola Ascheri era nata nel 1840 e si è occupata nel tempo sia di floricoltura che di orticoltura, per specializzarsi in seguito, facendo tesoro delle esperienze passate, nella coltivazione di piante ed erbe aromatiche.  La produzione, il confezionamento e la distribuzione di erbe aromatiche fresche è stato il settore verso il quale si sono concentrati gli sforzi di miglioramento e specializzazione aziendale.

Purtroppo le difficoltà si sono fatte sentire già tempo fa in quella che è stata una delle più grandi e conosciute aziende sulla piana recentemente finita anche nel mirino della Guardia di Finanza che ha posto in essere una delicata operazione che ha coinvolto la produzione dell’azienda che, comunque, aveva una situazione debitoria evidentemente già particolarmente complessa.

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium