/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Auto tenuta sempre in garage, ottime condizioni. Grigio Metallizzata, interni in pelle nera, sedili riscaldabili,...

Centralissimo vicinissimo mare in viale Martiri della Liberta` contratto 4+4 residente arredato 11 vani 177mq....

Centrale via Aurelia n.91 a 80 metri mare con parcheggio pubblico a 15 metri contratto 6+6 negozio in ordine 60mq. e...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | giovedì 19 ottobre 2017, 11:46

Ragazzi spericolati e "scalmanati" su un regionale Savona-Ventimiglia

La segnalazione arriva da una passeggera

Caos, urla e parolacce verso gli altri occupanti della carrozza. L'episodio si è registrato nella giornata di ieri sul treno regionale Savona-Ventiiglia in partenza dalla stazione "Mongrifone" alle ore 13.55.

La segnalazione arriva da una passeggera che racconta: "Inizialmente gridavano e basta, poi sono passati alle parolacce e insulti a diverse persone, giusto per fare un pochino gli spavaldi. L'età dei ragazzini era sicuro intorno alla prima/seconda superiore, non di più". 

"Una volta partito il treno, hanno abbassato i finestrini - prosegue nel racconto - due o tre, si sono sporti fuori con la testa, anche nel tratto in galleria. Poi, arrivati a Spotorno, uno di loro è sceso e non ci ho fatto molto caso. Successivamente, sempre all'interno della stazione, sono arrivati altri ragazzi, penso loro amici che viaggiavano su un'altra carrozza". 

"Subito ho sentito frasi del tipo 'dai facci vedere!', 'vogliamo vedere come fai bungee jumping', 'tanto non sei capace' e roba simile. È allora che mi sono tolta le cuffie e ho capito cosa stava succedendo; il ragazzo appena sceso aveva con ogni probabilità l'intenzione di salire sul tetto del treno per percorrere la galleria Spotorno-Finale Ligure che dura qualche minuto". 

"Io pensavo che scherzasse (anche se su queste cose non c’è assolutamente da scherzare) ma quando ho visto che ha provato per tre volte ad aggrapparsi al finestrino per salire, ho capito che faceva sul serio!".

"Nel frattempo il capotreno ha fischiato e il treno è partito, mi fa abbastanza strano che non abbia visto nulla - conclude - Il ragazzo poi alla fine a rinunciato per fortuna ma secondo me se avesse potuto l’avrebbe fatto".

Graziano De Valle

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore