/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | giovedì 09 novembre 2017, 05:00

Scheletro trovato a Millesimo: la mente va ai casi irrisolti di persone scomparse nella Provincia di Savona

Oggi l'esame del medico legale Canepa e gli accertamenti degli inquirenti; le indagini proseguono nel massimo del riserbo

Scheletro trovato a Millesimo: la mente va ai casi irrisolti di persone scomparse nella Provincia di Savona

Uno scheletro e pochi brandelli di vestiti probabilmente "attaccati" dagli animali selvatici. Sono queste le prime informazioni che trapelano dalle indagini sul ritrovamento effettuato nella mattinata di ieri da alcuni cacciatori nei boschi di Millesimo ed in particolare nei pressi del Santuario Madonna del Deserto.

I Carabinieri hanno effettuato i primi rilievi, ma attualmente risulta impossibile capire qualcosa in più, sia sull’identità dei resti sia sulle eventuali cause del decesso. Certo è che alcuni elementi infittiscono quello che nel savonese sta assumendo i contorni di un vero e proprio giallo.

Oggi il medico legale Marco Canepa effettuerà l’esame autoptico cercando di dare risposte almeno ad alcune delle domande che stanno percorrendo la mente di cittadini e, soprattutto degli inquirenti.

La mente non può che correre, in queste ore, ai casi di persone scomparse e mai più ritrovate in Provincia di Savona sebbene, naturalmente nessuna ipotesi si possa escludere.

Luca Salvatico infermiere 40enne scomparso il 22 marzo 2010 . La sua auto era stata trovata abbandonata, con le luci e lo stereo accesi, lungo la strada che da Bardineto scende verso la Riviera, ma di lui nessuna traccia. Tante le ipotesi, tra questa il suicidio, ma molti gli elementi oscuri e rimasti irrisolti.

Frigentina Del Rosario scomparsa da Vendone il 2 febbraio 2014. La donna, originaria del Venezuela, uscita da casa non vi ha più fatto ritorno. Vane le ricerche durate per giorni interi, con capi di abbigliamento ed effetti personali della donna rinvenuti anche a distanza di giorni dai soccorritori in zone che, apparentemente erano già state battute.

Marisa Comessatti scomparsa il 20 febbraio del 2014. La donna uscita da casa sua a Laigueglia la mattina avrebbe dovuto raggiungere la figlia a Garlenda per badare ai nipotini, ma non è mai giunta a destinazione. La sua macchina era stata ritrovata a San Bartolomeo al Mare e il suo cellulare pare aver mandato un segnale alcuni giorni dopo la scomparsa agganciandosi ad alcune celle telefoniche, ma di lei nessuna traccia. Più volte il caso è stato trattato anche durante la trasmissione “Chi l’Ha Visto?” e diverse le ipotesi avanzate, tra queste anche quella dell’influenza di una setta religiosa.

Luca Catania il carabiniere scomparso il 7 ottobre 2016 dalla sua casa a Magliolo. L'uomo aveva detto ai colleghi che non si sarebbe recato al lavoro, non invece alla famiglia. Nell'uscire da casa avrebbe preso la sua pistola d'ordinanza, non, invece, il telefono cellulare. Questo però è solo uno degli elementi che hanno lasciato molti dubbi a famigliari e agli inquirenti che stanno indagando sul caso.

Giuseppe Calandri, 57 anni, scomparso circa un anno fa dalla residenza per disabili "Mondored" (situata proprio al Santuario del Deserto). 

Tutti misteri ancora non risolti, che vedono famiglie in attesa di notizie tra speranze e dolore. Naturalmente nessuna ipotesi può essere al momento esclusa e solo le indagini e gli accertamenti potranno fornire alcuni elementi utili, quantomeno, per escludere parte di queste.

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore