/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 15 novembre 2017, 19:22

Loano, 23enne gambizzato in un box interrato: massimo riserbo sulle indagini

Gli inquirenti stanno battendo varie piste, tra cui l'ipotesi di un giro di droga, ma saranno riscontri e interrogatori a chiarire

Loano, 23enne gambizzato in un box interrato: massimo riserbo sulle indagini

Una vicenda ancora tutta da chiarire (su cui resta il massimo riserbo). Proseguono le indagini da parte degli inquirenti in merito alla sparatoria avvenuta nel tardo pomeriggio di ieri all'interno di un box interrato al confine tra Loano e Borghetto. 

A seguito del ferimento ad una gamba di un ragazzo 23enne di origine albanese, Rodeo Sinjari, originario di Durazzo, ma residente a Toirano, i carabinieri la scorsa notte, hanno tratto in arresto tre persone, la cui posizione è al vaglio dell’Autorità Giudiziaria.

Secondo quanto trapelato, il giovane pare aver riferito di aver sentito uno sparo alle sue spalle e un forte dolore alla gamba. Ferito è riuscito a trascinarsi sulla via Aurelia dove una commessa di un negozio ha lanciato l'allarme. Soccorso dalla Croce Rossa di Loano, Il 23enne è stato soccorso e trasportato in codice rosso all'Ospedale Santa Corona di Pietra Ligure dove è stato operato ed attualmente si trova ricoverato in chirurgia plastica. 

Gli inquirenti coordinati dal PM Massimiliano Bolla stanno battendo varie piste, tra cui l'ipotesi di un giro di droga, ma saranno riscontri e interrogatori a chiarire la situazione. All'interno della rimessa dove sarebbe avvenuto il fatto, gli inquirenti hanno rinvenuto alcune valigie. 

Già noto alle forze dell'ordine, Sinjari (due anni fa) era risultato tra i protagonisti di una zuffa avvenuta sulla Provinciale di Toirano, dove, insieme ai familiari, aveva ingaggiato una lite con un noto sportivo che si stava allenando sulla via per Bardineto. 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium