/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Causa limiti circolazione centro città Milano per inquinamento, euro 3 fap, vendo perfetta C5 2.2, automatica, pelle,...

Selezioniamo collaboratori ambo i sessi di età min. 23 anni, per lo sviluppo del mercato di sanità integrativa per...

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Auto tenuta sempre in garage, ottime condizioni. Grigio Metallizzata, interni in pelle nera, sedili riscaldabili,...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | mercoledì 15 novembre 2017, 06:05

Torna l'incubo autovelox, venerdì un incontro in Provincia

Il sindaco di Albenga Cangiano: "Venerdì sentiremo le decisioni della Provincia ma, se la volontà sarà quella di rimettere in funzione gli autovelox, ritengo che sia doveroso aumentare il limite di velocità non essendo possibile mantenere i 50 in quel tratto rettilineo"

Venerdì i sindaci di Albenga Villanova Casanova Lerrone e Garlenda sono stati convocati in Provincia per aggiornamenti sugli autovelox posti sulla provinciale che da Albenga giunge a Villanova.

Se lo scorso anno i cittadini che erano stati pizzicati superare il limite di 50km orari previsto sul tratto erano insorti invocando l'illegittimità della pioggia di verbali (per qualcuno aveva superato il centinaio di contravvenzioni) sostenuti dai sindaci della zona, ben presto potrebbe "ritornare l'incubo".

L'intenzione parrebbe, infatti, proprio quella di rimetterli, così come potrebbe tornare anche l'autovelox di Cosseria (anche il sindaco valbormidese Molinaro, infatti, si era associato alla battaglia contro questo sistema).

Afferma il Sindaco di Albenga "L'anno scorso insieme agli altri Sindaci dei comuni coinvolti siamo riusciti a far annullate migliaia di multe ingiustamente contestate a moltissimi cittadini. Venerdì sentiremo le decisioni della Provincia ma, se la volontà sarà quella di rimettere in funzione gli autovelox, ritengo che sia doveroso aumentare il limite di velocità non essendo possibile mantenere i 50 in quel tratto rettilineo".

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore