/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | lunedì 20 novembre 2017, 11:46

Finale presenta il "Virtual Tour", il sindaco: "I nostri monumenti a portata di clic"

Il progetto ha richiesto l'individuazione di 6 locations usate comunemente come contenitori di eventi e manifestazioni

Finale presenta il "Virtual Tour", il sindaco: "I nostri monumenti a portata di clic"

Si è svolta questa mattina, nella sala consiliare del palazzo comunale di Finale Ligure, la presentazione di un particolare e innovativo progetto promozionale denominato "Virtual Tour".

Il progetto ha richiesto l'individuazione di 6 locations usate comunemente come contenitori di eventi e manifestazioni. Sono state realizzate complessivamente 76 immagini equirettangolari sferiche che hanno richiesto l'impiego di 912 fotografie, opportunamente elaborate e messe poi insieme per redigere i 6 virtual tour immersivi.

Con immersiva si intende una fotografia con angolo di ripresa di 360° per 180°, che può essere visualizzata senza distorsioni solo sul monitor del computer. Una stampa, un'immagine fotografica e non, anche di 360°, ma che non ha la necessità di un appartato informatico per la sua visualizzazione, viene chiamata invece semplicemente panorama 

Le sfere sono state utilizzate nel periodo giugno-settembre, sono state inserite sulla schede di destinazione già presenti su Google per beneficiare della indicizzazione già in essere e velocizzare i tempi. Sebbene non ancora pubblicizzate sui canali ufficiali, hanno già generato diverse decine di migliaia di visite.  

Come si risale al virtual tour? La ricerca e/o individuazione può avvenire con diverse modalità: tramite la scansione di un QR code; mediante la consultazione di portali e pagine web specifiche dove questi sia incorporato; a mezzo di Google risalendo alla scheda della struttura; l'utilizzo delle apps quali Google Street View e Google Maps; scrivendo direttamente nel proprio browser il link al virtual tour della struttura o luogo che vogliamo visitare. 

"Tutto il mondo potrà visitare i più bei monumenti di Finale Ligure stando comodamente in poltrona" commenta il sindaco Ugo Frascherelli. 

Queste le 6 locations individuate: i Chiostri Santa Caterina, l'auditorium Santa Caterina, il Giardino Botanico, piazza Vittorio Emanuele, la fortezza di Castelfranco e l'Oratorio dei Disciplinati 

L'assessore Casanova: "Un grazie speciale a Emilio Rescigno, fotografo professionista, che ha saputo realizzare una serie di foto capaci di penetrare veramente nei luoghi tipici". 

Spiega il fotografo Emilio Rescigno: "Nella fase 1 abbiamo selezionato quei luoghi che sono anche oggetto di eventi e manifestazioni. Si tratta di un progetto all'avanguardia. Anche la Regione sta lavorando a un portale analogo legato alle bellezze liguri. Il personale comunale ha inserito tutto il materiale sul sito facendo un lavoro egregio. Il 'virtuale tour' consente di visitare luoghi e strutture con alto tasso di realismo; i tempi di gestione sono rapidi e il sistema è semplice".

"Abbiamo tante giovani coppie che ci chiedono di visitare i nostri palazzi storici come location per i loro matrimoni. Ora possono farlo direttamente da casa - continua Rescigno - l'esperienza può diventare veramente immersiva mediante l'adozione di un visore 3D. tramite Google street viene visualizzata la visione stereoscopica". 

"Le immagini nel visore sono in proporzione 1:1 per dare il massimo realismo. Inoltre verranno presto introdotti suoni e profumi, per un'esperienza immersiva totale" prosegue Rescigno. 

ESEMPIO: cerchiamo il Forte di Castelfranco

1) sito del Comune di Finale Ligure: turismo.comunefinaleligure.it/it/castello/fortezza-castelfranco

2) mediante motore di ricerca: www.google.it

3) mediante l'utilizzo delle apps mobili

4) mediante la scansione del codice QR-code

"76 fotografie sferiche, frutto della fusione di 912 foto convenzionali. Il portale esce oggi e abbiamo già registrato grazie a un capillare lavoro di indicizzazione, 80mila ingressi misurati. Il progetto crescerà in base alla fantasia: luoghi storici, ambiente, musei, non ci sono limiti", conclude Rescigno. 

Alberto Sgarlato

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore