/ Sanità

Spazio Annunci della tua città

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Auto tenuta sempre in garage, ottime condizioni. Grigio Metallizzata, interni in pelle nera, sedili riscaldabili,...

Centralissimo vicinissimo mare in viale Martiri della Liberta` contratto 4+4 residente arredato 11 vani 177mq....

Centrale via Aurelia n.91 a 80 metri mare con parcheggio pubblico a 15 metri contratto 6+6 negozio in ordine 60mq. e...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Sanità | giovedì 07 dicembre 2017, 11:06

Ecocardiografo rotto al Santa Corona, De Vincenzi replica all'Asl 2: "Non tollero che con leggerezza e gratuità mi si dia del bugiardo"

"Carta canta, anzi foto, e insieme alle fotografie, che documentano l'ecocardiografo con il cartello "rotto" da oltre un mese nei corridoi del reparto di cardiologia e terapia intensiva coronarica"

"Da bambini ci dicevano che le bugie hanno le gambe corte ma, evidentemente, dalle parti dell'Asl 2 non ne hanno mai sentito parlare. Carta canta, anzi foto, e insieme alle fotografie, che documentano l'ecocardiografo con il cartello "rotto" da oltre un mese nei corridoi del reparto di cardiologia e terapia intensiva coronarica del Santa Corona, "cantano" anche le molte di telefonate fatte ai pazienti in lista per l'esame che si sono visti posticipare la data causa strumento non funzionate" commenta il consigliere regionale del Pd Luigi De Vincenzi. 

"Si invitano, pertanto, i manager dell'Asl 2 a mettere fisicamente piede nell'ospedale di Pietra Ligure e verificare di persona come stanno veramente le cose e ad avvalersi, prima di fare dichiarazioni a vanvera e almeno per una volta, dell'unica fonte certa: la realtà. Perché si dice, ma anche questo non circola tra le stanze dell'Asl 2, che la realtà è testarda e alla fine si impone sempre.
A creare perdita di fiducia e allarmismi più che fondati tra la popolazione non sono le mie parole (magari lo fossero!) ma sono i risultati delle azioni dell'ASL 2 e di piazza De Ferrari". 

"Non tollero che con leggerezza e gratuità mi si dia del bugiardo e poiché ho parlato in veste di consigliere regionale in sede di consiglio, attendo pubbliche scuse in quella sede" conclude De Vincenzi. 

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore