/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

part-time pomeridiano disponibile ponti primaverili e stagione estiva 2018 pescheria friggitoria in Celle Ligure...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | mercoledì 13 dicembre 2017, 19:00

Blitz della Guardia di Finanza, scovati videopoker illegali e centri scommesse "abusivi"

Centro scommesse “mascherato” da internet point a Borghetto e videopoker “truccato” da Tetris ad Alassio, l’attività della Guardia di Finanza di Albenga ha permesso di porre in essere un importante interento contro la ludopatia e a tutela dei soggetti deboli

Centro scommesse “mascherato” da internet point a Borghetto e videopoker “truccato” da Tetris ad Alassio, l’attività della Guardia di Finanza di Albenga guidata dal Comandante Angela Crisci ha portato a termine in questi giorni un importante servizio di controllo del territorio volto a prevenire e reprimere il fenomeno del gioco illegale e delle scommesse clandestine che alimentano quello che è il vero e proprio “male del secolo” la ludopatia.

Gli accurati interventi posti in essere nell’ultimo periodo nel comprensorio ingauno hanno portato alla luce, in particolare due situazioni di illiceità.

A Borghetto Santo Spirito una attenta attività investigativa posta in essere dalle fiamme gialle ha portato ad accertare la presenza di una attività commerciale  operante formalmente quale internet point, ma che costituiva, nella realtà, un centro di raccolta abusiva di scommesse on-line. L’agenzia di fatto operava senza aver mai conseguito la autorizzazioni di Pubblica Sicurezza, appoggiandosi a bookmaker, anche esteri, privi di concessione rilasciata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze - A.A.M.S. .

Ad Alassio, invece, un bar molto frequentato e che disponeva di numerosi apparecchi da gioco (le macchinette cd. new slot  cioè i videopoker legali) ha destato l’attenzione investigativa dei militari i quali hanno notato uno strano “movimento” intorno ad un videogioco nonché un lettore di banconote e cassetta per la raccolta del denaro.

I Finanzieri hanno così scoperto un sofisticato sistema di frode che consisteva nel modificare ad arte un vecchio “TETRIS”, in un congegno che consentiva al pubblico di qualsiasi fascia di età di effettuare giocate illegali.

Infatti, mediante la combinazione di tasti del videogioco, si accedeva ad un sottomenu riproducente altri giochi illegali tipo videopoker.

Gli interventi hanno consentito di sequestrare gli apparecchi da gioco illegali, elevare sanzioni per circa 8.000 euro nei confronti dei trasgressori e denunciare all’Autorità Giudiziaria 3 soggetti per l’esercizio abusivo, in concorso tra loro, di raccolta sommesse online.

Tutte le attività svolte, oltre ad evidenziare profili d’inosservanza della normativa di riferimento, hanno testimoniato inoltre che, tramite questi interventi vengono tutelati e difesi i consumatori, soprattutto minori ed appartenenti alle fasce sociali più deboli, da proposte di gioco illegali, insicure e prive di alcuna garanzia. Infatti durante i controlli veniva riscontrata la presenza di scommettitori e giocatori delle località della riviera di ponente, caratterizzati da età avanzata ed condizioni economiche precarie.

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore