/ Sanità

Spazio Annunci della tua città

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Sanità | mercoledì 13 dicembre 2017, 13:30

Loano: mancano i vaccini antinfluenzali

La denuncia di un Lettore: "A mia madre hanno detto di comprarsi di tasca sua un farmaco che le spetta di diritto"

Che fine fanno i vaccini antinfluenzali? Ma soprattutto, è possibile (ed è ammissibile) che non ce ne siano per tutti? Questo è quanto ci domanda un lettore di Savonanews, che ci racconta la vicenda accaduta stamattina: “Mia madre è andata a fare il vaccino antinfluenzale a Loano: le hanno risposto che lo hanno finito e se lo deve pagare di tasca sua.

Che fine ha fatto il vaccino, se ogni medico ha 141 mutuati, quindi 141 vaccini in teoria già assegnati, numerati e controllati? A qualche altro paziente è andato per sbaglio il vaccino di mia madre?

Spiega ancora il nostro lettore: il problema di per sé non sarebbe nemmeno un così grande danno, ma vogliamo capire che cosa è successo: sono stati acquistati meno vaccini del previsto (e per quale motivo?) o il vaccino di mia madre è andato impropriamente a qualcun altro?

In tutto questo, la cosa che trovo più inammissibile è stata la risposta ricevuta: non spetta a mia madre, che è anziana, comprarselo, dal momento che come tutte le persone della sua età è esentata dal pagamento. Quindi perché dovrebbe rimetterci dei soldi per avere qualcosa che è previsto che le spetti di diritto?”

Abbiamo chiesto spiegazioni alla ASL 2 Savonese: “Stiamo facendo degli approvvigionamenti molto calibrati per evitare sprechi di denaro pubblico, ma possiamo garantire che ci saranno vaccini per tutti e che nessuno resterà senza. Può verificarsi una carenza di vaccini un giorno, ma entro 24 ore al massimo viene colmata. E comunque il massimo picco influenzale deve ancora arrivare, per cui ci sarà tempo per tutti per prevenirlo”.

Alberto Sgarlato

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore