La domenica con Fata Zucchina
domenica 17 dicembre 2017, 09:56

Ricetta di salute - “Studiare per sognare e riabbracciarsi online”

La “Scuola in Ospedale” diventa Ricetta di Salute: ecco per voi l’intervista a Fabrizio Manca, Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte, alla scoperta del progetto che - dal 1986 - garantisce il diritto all’istruzione ai bambini in età scolare ricoverati in ospedale.

 (TRATTO DAL LIBRO, “Ricette Favolate di Fata Zucchina
Ricette di Salute – “Studiare per sognare e riabbracciarsi online”)

La scuola è parte fondamentale del percorso di un bambino, e il diritto all’istruzione è importante tanto quanto quello alla salute. In Italia, la “Scuola in Ospedale” nasce nel 1986 per garantire a tutti i bambini ricoverati il diritto alla conoscenza, al sapere, a investire nel futuro. Una scuola “speciale”, senza cattedra e lavagne, dove gli alunni hanno bandana e pigiama, quasi come fosse la loro divisa da “capitani coraggiosi”. A cosa serve una scuola in ospedale? L’apprendimento ne compone solo una piccola parte poiché - per i bambini affetti da patologie gravi e costretti a lunghe degenze - la scuola diventa parte integrante della terapia. Un’esperienza di primaria importanza che permette loro di non interrompere il percorso educativo a causa della malattia, ma soprattutto di non sentirsi “tagliati fuori” dalla rete sociale del loro gruppo classe. La continuità del rapporto con i docenti, i coetanei e con l’ambiente scolastico nel suo complesso, così come l’innovazione didattica e organizzativa, sono state al centro del progetto sperimentale “Scuola in Ospedale Integrata”, avviato in area test con i reparti di Oncologia e Neuropsichiatria pediatrica dell’Ospedale Infantile “Regina Margherita”, grazie al sostegno della Fondazione Agnelli. Gli iPad e le cuffiette donati ai pazienti-studenti si sono trasformati in un “ponte magico” tra una stanza di ospedale e l’aula di scuola abituale: ecco la “ricetta di salute” messa in campo per realizzare un piccolo miracolo tecnologico, lavorando su una modalità di partecipazione on-line alla vita della classe di appartenenza di alcuni bambini ospedalizzati. Offrire a questi studenti “speciali” un supporto educativo, psicologico e relazionale, infatti, è compito prioritario di una scuola inclusiva: e, se questo avviene, non è soltanto grazie a una sperimentazione, o a chi l’ha messa in atto e finanziata. Parlando di “Scuola in Ospedale”, vale davvero la pena soffermare l’attenzione verso una categoria particolare di persone che, ogni giorno, entra in quelle stanze indossando un camice bianco e una mascherina davanti alla bocca. Non sono (solo) i medici, ma un piccolo esercito di insegnanti impegnati a offrire ciò che va oltre il confine dei loro doveri contrattuali: in ospedale, il personale docente deve possedere spiccate capacità relazionali, per educare i bambini a esprimere le paure e le ansie legate alla malattia e all’ospedalizzazione, aiutandoli a superare la demotivazione, l’apatia e la separazione dai loro riferimenti affettivi. Devono stimolarli senza stancarli, guardarli senza fissarli, trovando una forma di empatia che non li faccia sentire trasparenti agli occhi dell’adulto che - di fronte a loro - resta comunque un docente. Talvolta, nella scuola ordinaria, si tende a trascurare l’aspetto emotivo dei bambini a favore dell’a- spetto cognitivo, dimenticando quanto in realtà siano sensibilmente intrecciati. Nella scuola dell’ospedale, invece, la prima attenzione è rivolta proprio alla manifestazione delle emozioni, attraverso il gioco e l’attività ludica. Qui si dà al bambino tutto il tempo che gli serve, stimolandolo all’attività didattica in modo discreto e paziente. E’ una scuola “nuova” quella che sta nascendo tra le stanze del castello rosa di piazza Polonia, dove si annidano le storie di tanti bambini con le loro famiglie, avvolte da una grande coperta, nella quale gli aspetti medico-sanitari si intrecciano con quelli scolastici. Medici che si prendono a cuore il progetto educativo, insegnanti che interagiscono con il piano di cura personalizzato di ogni piccolo paziente e attivano canali di mutuo aiuto con le famiglie. Questo tipo di servizio rappresenta una risorsa enorme, seppure ancora molto nascosta, umile e silenziosa; e mette in evidenza come gran parte del lavoro di cura, debba partire dalle relazioni sociali e dall’ambiente attorno al paziente, a maggior ragione se si tratta di un bambino.

Ci aspetta una vigilia di Natale tutta da cucinare domenica 24 dicembre, con la proposta di SuperCheffo (alias Alessandro Pavesio), che ci proporrà la raffinatezza dello specialissimo cece di Merella in un originale abbinamento con il cacao amaro: i “Ravioli cececao”, un vero concentrato di dolcezza e energia da condividere insieme a tutta la famiglia, senza dimenticarne il sano contributo in vitamine e sali minerali!

 

Per leggere lo scorso episodio della rubrica, clicca qui:

TargatoCN: bit.ly/2kXPZYk

Torino Oggi: bit.ly/2Atb8AC

Savonanews: bit.ly/2AaCcjI

Sanremonews: bit.ly/2z17ITt

 

 

Dove si può acquistare il Bilibro?

Per scoprire tutti i contenuti del bilibro di Renata Cantamessa (alias Fata Zucchina) “Il Mistero del Grandalbero – Ricette Favolate di Fata Zucchina”, si può acquistare su Arabafenicelibri.it (http://bit.ly/2nAOXAp), presso tutti i negozi Coop o ordinandolo alla propria libreria di fiducia.

 

Quanto costa? A chi sono destinati i proventi della vendita?

Il prezzo è di 10€. I proventi raccolti dalla vendita (2€ a libro) saranno donati in Piemonte a favore del progetto F.A.T.A. di Fuoriterapia Assistita con Animazione dell’Ospedale Infantile “Regina Margherita”, in collaborazione con l’Associazione Onlus “La Collina degli Elfi” di Govone d’Alba. Il ricavato di Liguria e Lombardia sarà rispettivamente devoluto all’Ospedale “Gaslini” di Genova e alla Fondazione “De Marchi Onlus” di Milano.

 

Scorri al fondo della pagina per consultare la scheda di presentazione del libro.

 

Contatti

E-mail: renata@fatazucchina.eu

Sito web: www.fatazucchina.net

Pagina Facebook: Renata Cantamessa – Fata Zucchina

Instagram: @fatacantamessa

Twitter: @RCantamessa

Youtube: Renata Cantamessa – Fata Zucchina

 

Chi è Renata Cantamessa?

Giornalista di carta stampata e web, autrice e conduttrice radio-televisiva, doppiatrice

di cartoon, ghostwriter e project-manager, cresce professionalmente nel settore della

cooperazione. Opera in modo trasversale su comunicazione e multimedia-marketing, con specifica attenzione attorno ai temi strategici dell’agroalimentare, della territorialità, del benessere e della sostenibilità. Oltre al mondo della cooperazione e dell’agricoltura (ortofrutta in primis), collabora attivamente con la GDO-Grande Distribuzione Organizzata italiana, la Sanità Pubblica (Asl territoriali), l’Università degli Studi di Torino, gli Istituti di Istruzione Superiore a indirizzo agrario-alberghiero e con l’USR-Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte, con un coinvolgimento sulla progettazione dell’attività formativa di alternanza scuola-lavoro. Dal 2013 veste la “nuova identità” di Fata Zucchina, da lei creata e impersonata come icona moderna del Food&Wealth (Health + Welfare) per divulgare nuovi modelli di integrazione e consumo nella relazione tra persone e territorio.

 

Chi è Fata Zucchina?

E’ la prima “fata agricola” italiana, proposta come modello smart di avanguardia al femminile, per ricordare che le donne possono essere un importante veicolo di innovazione in agricoltura. Un omaggio diretto a quell’oltre 70% di lavoro agricolo che - nel mondo - è realizzato da generazioni di donne rurali. Ma non solo: la “bacchetta magica” di Fata Zucchina – ovvero la sua divulgazione attraverso progetti che diventano rubriche, come “Il Bugiardino di Fata Zucchina”- si rivolge per antonomasia al settore primario, come snodo centrale di una “nuova economia”. C’è dunque l’Agricoltura con l’iniziale maiuscola al centro del cuore di questa fata rurale, cioè quel Made in Italy fatto di terra variegata, mani laboriose e grandi intelligenze, che ha bisogno di tornare a simpatizzare con le famiglie e di giocare con i bambini, accendendo la loro voglia di fare, di immedesimarsi e costruire; educandoli a trattare i frutti della terra come nuovi “amici” e a seminare una felicità fatta di beni relazionali, tradizione e innovazione.

 

Immagine copyright-free  

 

Renata Cantamessa

Ti potrebbero interessare anche:
SU