/ Cronaca

Cronaca | lunedì 08 gennaio 2018, 10:26

FG Riciclaggi, inizia la bonifica. Borsano: "In corso attività di Polizia Giudiziaria"

Da una prima valutazione da parte di Arpal pare non risultano variazioni nei parametri della qualità dell'aria

FG Riciclaggi, inizia la bonifica. Borsano: "In corso attività di Polizia Giudiziaria"

Domate le fiamme divampate ieri notte intorno alle 21,00 presso FG Riciclaggi a Cairo Montenotte, ora si è dato il via alle operazioni di bonifica e smassamento che dureranno, probabilmente, durante tutta la giornata di oggi.

Afferma l'Ing. Borsano dei vigili del fuoco: "Stiamo operando da ieri notte con diverse squadre e mezzi. Attualmente le fiamme sono estinte, ma continueremo per tutta la giornata con le operazioni di smassamento. E' importante questa fase per evitare ripartenze improvvise. Il materiale compresso e altamente infiammabile deve essere allargato, bagnato e raffreddato operazione lunga e complessa".

Per quel che concerne le cause dell'incendio afferma: "Stiamo portando avanti le indagini di Polizia Giudiziaria. L'area è videosorvegliata e le immagini delle telecamere verranno vagliate insieme a tutti gli altri elementi. Non è possibile al momento determnare le cause che hanno causato il rogo e non possiamo escludere alcuna ipotesi".

Tutte le ipotesi, pertanto, sono al vaglio degli inquirenti che accerteranno eventuali ipotesi dolose, infatti secondo una prima ricostruzione le fiamme potrebbero essere divampate nell'area esterna all'angolo della recinzione dalla variante Vispa.

La preoccupazione attualmente è sull'ipotesi inquinamento, afferma Borsano: "Stanno arrivando i tecnici Arpal per fare i rilievi del caso e accertare che non vi siano pericoli in tal senso".

Sul punto riferisce anche il sindaco di Cosseria Roberto Molinaro: "Fonte rilevamento ARPAL: da una prima valutazione non risultano variazioni nei parametri della qualità dell'aria. Un secondo bollettino lo riceveremo entro le ore 14. Seguiranno rilevamenti delle polveri e dell'acqua del fiume Bormida ma ci vorrà più tempo ma non mi hanno detto quanto".

Nel frattempo l'avvertimento per i residenti è quello di non avvicinarsi alla zona e tenere le finestre delle proprie abitazioni chiuse.

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore