/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 11 gennaio 2018, 09:17

Intossicazione di massa nella scuola penitenziaria di Cairo, si apre un fascicolo in Procura, ma nessuna ipotesi di reato

Dall’Asl rassicurano: nessun legame con l’incendio alla FG Riciclaggi, si sta analizzando l’acqua

Intossicazione di massa nella scuola penitenziaria di Cairo, si apre un fascicolo in Procura, ma nessuna ipotesi di reato

Dopo la visita a Cairo Montenotte da parte dell’assessore regionale Sonia Viale e del direttore dell’Asl 2 Eugenio Porfido si continua a cercare di contenere l’allarmismo divampato tra la popolazione e sui social (VEDI ARTICOLO).

Il timore manifestato era che l’intossicazione fosse legata all’incendio della FG Riciclaggi, ma i tecnici dell’Arpal e dall’Asl fanno sapere che i sintomi manifestati dai pazienti (tutti dimessi attualmente) riconducono ad una intossicazione batterica e non chimica.

Intanto il PM Venturi ha aperto un fascicolo sull’episodio, ma nessuna ipotesi di reato al momento è stata formulata.

Naturalmente nei prossimi giorni gli esiti delle analisi potranno dare ulteriori rassicurazioni e chiarire meglio l’accaduto.

Nel frattempo per quanto concerne la FG Riciclaggi continua il monitoraggio dell'Arpal. Ieri  sono stati sostituiti i filtri degli strumenti posizionati attorno all'impianto della FG Riciclaggi: saranno portati al laboratorio di Genova per le analisi alla ricerca di diossine nel particolato.

Non si osservano variazioni significative nell'andamento degli inquinanti monitorati dalle centraline della qualità dell’aria di Cairo Montenotte (località bivio FarinaBragno e Mazzucca), di Carcare e del mezzo mobile posizionato a Ferrania.

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium