/ Sanità

Spazio Annunci della tua città

Causa limiti circolazione centro città Milano per inquinamento, euro 3 fap, vendo perfetta C5 2.2, automatica, pelle,...

Selezioniamo collaboratori ambo i sessi di età min. 23 anni, per lo sviluppo del mercato di sanità integrativa per...

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Auto tenuta sempre in garage, ottime condizioni. Grigio Metallizzata, interni in pelle nera, sedili riscaldabili,...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Sanità | venerdì 12 gennaio 2018, 16:10

Servizio Cup a cura dei medici di famiglia, Rossetti: "Viale promette che non ci sara’ alcuna sospensione, ma non chiarisce se sarà esteso a tutti"

Lo dice il consigliere regionale del Pd

"Sul servizio Cup a cura dei medici di famiglia arriva una buona notizia, ma resta ancora qualche aspetto da chiarire. Questa mattina, infatti, l’assessore Viale ha risposto a un’interrogazione del Pd sul mancato rinnovo della convenzione con tutti quei medici di medicina generale che svolgono il servizio di prenotazione di visite ed esami per i propri assistiti. Il pericolo concreto era che dal primo febbraio tale servizio, molto utile e apprezzato, venisse sospeso per tutti" commenta il consigliere regionale del Pd Pippo Rossetti. 

"Vista l’eco mediatica, la Regione e Alisa, a inizio gennaio, erano corse ai ripari promettendo che il servizio fosse prorogato sine die, in attesa di sottoscrivere il nuovo accordo con i medici di medicina generale. Viale oggi ci ha confermato che la Regione non intende eliminare il servizio Cup in capo ai medici di famiglia (anzi ha tolto la chiusura al 31 gennaio prossimo venturo), ma vuole modificarlo per renderlo più omogeneo in tutta la Liguria (visto che al momento ogni Asl si comporta in modo diverso)".

"E questa è, indubbiamente, una buona notizia, frutto anche delle battaglie portate avanti in queste settimane dagli stessi medici e dal Partito Democratico. Ci dichiariamo però insoddisfatti riguardo a un altro punto cruciale di questa vicenda, sul quale l’assessore non ha fatto chiarezza. Il Pd nella sua interrogazione, facendosi portavoce di medici e pazienti, ha chiesto di incentivare tale servizio e di estenderlo a tutti i medici di medicina generale (cosa che oggi non è per niente scontata). Viale su questo non ha risposto" conclude il consigliere regionale del Pd Pippo Rossetti.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore