/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

part-time pomeridiano disponibile ponti primaverili e stagione estiva 2018 pescheria friggitoria in Celle Ligure...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | sabato 13 gennaio 2018, 18:00

Bolkestein, Tosi (M5S): "Ricorso Toti alla Consulta ennesima presa in giro nei confronti dei balneari"

"Da M5S unica proposta seria e ragionevole per aiutare gli imprenditori del settore"

Il portavoce del M5S Liguria Fabio Tosi ha voluto commentare la discussione dell'ultime ore sulla decisione del Governo sulla Bolkestein e la risposta del Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti:"Siamo ormai alla farsa finale sul tema della Bolkestein. Quando si è trattato di ricorrere alla Corte Costituzionale per impugnare il decreto Lorenzin sulla coercizione vaccinale, come chiedeva il MoVimento 5 Stelle, Toti ha fatto volutamente scadere i tempi tecnici necessari".

"Oggi, invece, che il Governo - una volta tanto - fa una cosa giusta, s'impunta per mero calcolo elettorale e sceglie di costituirsi presso la Consulta per difendere un provvedimento basato su presupposti palesemente anticostituzionali e nato solo per puro spirito demagogico, prendendo in giro i balneari, che meritano invece risposte chiare, proposte realizzabili e tempi certi. Per questo noi il 31 ottobre scorso abbiamo votato convintamente contro il Ddl 157 Scajola, e lo ribadiamo con convinzione. All'epoca eravamo stati persino presi in giro da Forza Italia e dall'assessore regionale" continua Tosi.

Oggi i fatti dimostrano che avevamo ragione. Il MoVimento 5 Stelle è l'unica forza politica che davvero vuole fare qualcosa per i balneari liguri, con idee serie e praticabili, puntando su concessioni di 10, massimo 15 anni: un tempo ragionevole per permettere agli imprenditori di pianificare il proprio business, nel rispetto dei vincoli e in regime di legittima concorrenza, di cui sarà l'intero settore a beneficiarne. Il resto purtroppo è solo propaganda e demagogia. I nodi alla fine vengono sempre al pettine" concludono dal M5S.

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore