/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

part-time pomeridiano disponibile ponti primaverili e stagione estiva 2018 pescheria friggitoria in Celle Ligure...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | mercoledì 17 gennaio 2018, 12:27

Regione. Andrea Costa stigmatizza il comportamento del centrosinistra: "Allontana ulteriormente i cittadini dalle istituzioni"

Il capogruppo di Liguria Popolare- Noi con l’Italia dopo il "Bella Ciao" intonato in aula: "Non entro nel merito della questione che si stava dibattendo, ma non approvo simili sceneggiate".

Andrea Costa, capogruppo di Liguria Popolare-Noi con l’Italia stigmatizza il comportamento dell’opposizione consiliare di centrosinistra che martedì mattina ha intonato in aula “Bella Ciao”, determinando così la sospensione dei lavori consiliari.  «I consiglieri regionali sono pagati, e anche bene, non per cantare, ma per lavorare seriamente,  occupandosi dei problemi della gente. – dice -  E questo si traduce nel varo di iniziative e leggi che hanno come obiettivo primario quello di andare incontro alle esigenze dei cittadini».

Continua il consigliere: «Simili colpi di teatro, a mio avviso, contribuiscono ad allontanare ulteriormente i cittadini dalla politica e dalle istituzione in un momento in cui, invece, sarebbe bene cercare di accorciare le distanze, per andare incontro a necessità e bisogni. – dice – Sono convinto che la gente non approvi simili sceneggiate: c’è bisogno di risposte concrete e serie ai problemi dei cittadini che , forse, si sentono un po’ presi in giro di fronte ad un’aula consiliare che si trasforma in un’arena».

Conclude Costa: «Ritengo che la sala del Consiglio regionale sia un luogo di lavoro, dove ci si confronta e si discute civilmente, con toni rispettosi seppur con posizioni legittimamente diverse. Le proteste accese e “colorite” casomai devono essere lasciate ad altri momenti, ad altri luoghi. Fatti come quelli d ieri alimentano l’antipolitica e la sfiducia nelle istituzioni: non ha ragione chi urla di più  o chi fa il colpo di teatro più eclatante e la gente questo lo sa». 

c.s

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore