/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Libera su 3 lati: camera, sala, bagno, cucina con uscita in giardino. Terreno 13.000 mt bosco castagni e frutteto....

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | lunedì 22 gennaio 2018, 19:25

Albenga, occupazione abusiva delle palazzine di via Carloforte. Cittadini Stanchi e CISA: "Chiesto un tavolo sulla sicurezza al più presto"

"Chiediamo al prefetto, al curatore fallimentare e al sindaco di intervenire subito"

"Da mesi i Cittadini Stanchi e il CISA - commentano in una nota - hanno attivato ogni mezzo per cercare di arginare l'occupazione abusiva all'interno dei palazzi di via Carloforte. C'è da chiedersi come possano sopravvivere e dove alloggiano questi immigrati irregolari se, come crediamo, non possano stipulare alcun accordo o contratto di locazione con dei privati". 

"Le forze dell'ordine hanno effettuato numerosi blitz, ma a meno di due mesi dalle  elezioni nazionali, nulla è cambiato. Anzi, chiediamo al prefetto, al curatore fallimentare e al sindaco di intervenire subito".

"Noi stiamo vigili e comunichiamo che abbiamo chiesto un tavolo sulla sicurezza al più presto - prosegue la nota - siamo stufi che in pieno giorno, si vedano storie e scene simili. Ci riserviamo il diritto di comunicare la nostra risposta con i fatti più che con le parole. Ovvero, siamo pronti a incontri, discussioni, proteste, scioperi, marce, ronde, vigilanze o tutto ciò che serva per risolvere il problema una volta per tutte. Siamo stanchi... oggi più che mai" concludono i Cittadini Stanchi e il CISA. 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore