/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | martedì 06 febbraio 2018, 09:31

Ciangherotti (FI): "Albenga città del vino... questa sconosciuta"

"Il movimento del vino sta conoscendo un momento magico, Albenga ha la fortuna di avere produttori e prodotti di eccellenza. L’assessore al Turismo Alberto Passino e il suo collega all’Agricoltura Mariangelo Vio dovrebbero darsi una mossa"

Ciangherotti (FI): "Albenga città del vino... questa sconosciuta"

“Qualche mese fa Albenga è diventata Città del vino. Un riconoscimento importante e niente affatto scontato viste le difficoltà per entrare nel prestigioso club che comprende Città di lunga tradizione enologica come Alba, Montalcino, Montepulciano, Asti, solo per citarne alcune tra le più prestigiose. La consegna del riconoscimento è passato quasi inosservato, se oggi a qualsiasi albenganese si chiedesse se Albenga è Città del vino probabilmente non saprebbe cosa rispondere. Non un cartello sotto le indicazioni stradali, non una targa che ricordi l’appartenenza a questo prestigioso club. Eppure il movimento del vino sta conoscendo un momento magico, Albenga ha la fortuna di avere produttori e prodotti di eccellenza, un imprenditore agricolo come Aimone Vio è stato insignito del titolo di Vignaiolo dell’anno dal Gambero Rosso, primo ligure ad ottenere questo riconoscimento. Per non parlare dei tanti “bicchieri” e punteggi di rilievo ottenuti dalle nostre aziende vitivinicole. Credo, e con me tanti altri, che visti i numeri del turismo del vino Albenga dovrebbe fare molto di più. L’assessore al Turismo Alberto Passino e il suo collega all’Agricoltura Mariangelo Vio dovrebbero darsi una mossa e puntare molto di più su questo importante settore che, per la prima volta, riesce a sposare agricoltura e turismo" Cosi Eraldo Ciangherotti, capogruppo in Consiglio comunale di Forza Italia, lancia una nuova sfida all’amministrazione comunale.

Aggiunge: “Puntare sul settore vitivinicolo significa non solo valorizzare delle eccellenze ingaune come Pigato, Rossese di Campochiesa, Vermentino, Granaccio, Ormeasco e via dicendo, ma anche creare nuovi posti di lavoro. Il Comune, anziché organizzare stanche manifestazioni senza riscontro, dovrebbe aiutare gli imprenditori agricoli ad aprire punti vendita, di assaggio, di degustazione nel centro storico, organizzare eventi che valorizzano i vini, organizzare percorsi di visita e promozione del territorio e delle cantine. Invece niente, nemmeno per i 50 anni di Sagralea c’è stato qualche evento di rilievo organizzato dagli assessorato di Passino e Vio. Gli imprenditori non vanno lasciati soli, ma per farlo servono idee e competenze che, questa giunta, ha dimostrato di non avere”, conclude Ciangherotti.

RG

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore