/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | mercoledì 14 febbraio 2018, 18:45

Albenga: da Teknoservice a Sat con più costi ma la promessa di una città più pulita

Domani in consiglio si voterà l'acquisizione delle quote Sat e, quindi, il passaggio alla gestione "in house" a partire dal prossimo 26 marzo

Sarà discusso domani in consiglio comunale ad Albenga il passaggio da Teknoservice a Sat e quindi alla gestione “in house providing” di tutto il servizio riguardante i rifiuti.

In particolare in consiglio comunale si voterà l’acquisizione di 50000 quote Sat (corrispondenti all’1,877%).

Sat nelle scorse settimane ha presentato un piano economico che prevede costi stimati in: 5,28 milioni, iva inclusa, di cui 2,6 per lo spazzamento, 850mila per lo smaltimento rifiuti  481 mila euro di acquisto mezzi e 43.700 di rateo per l'acquisto dell'ecopoint mobile per la raccolta differenziata anche nel centro storico.

L’inizio dell’attività di raccolta e spazzamento dovrebbe essere il prossimo 26 marzo 2018 con gli stessi servizi attualmente in essere. L'obiettivo che la Sat si prefigge è quello di realizzare comunque una puntuale e completa implementazione dei servizi in essere, così come determinati in contraddittorio con gli uffici comunali competenti, e l'ottimizzazione ed il miglioramento fin da subito dell'attività di spazzamento stradale.

Inoltre entro l'estate l’obiettivo è di introdurre nel centro storico - e in una piccola porzione del centro urbano - il sistema di raccolta con isola ecologica mobile (cd. Ecopoint) con la conseguente riduzione ed eliminazione dei cassonetti stradali .

Dal 1° novembre 2018, poi, ci sarà l’introduzione di modifiche al sistema di raccolta che riguardano l'ottimizzazione delle frequenze di raccolta dei rifiuti non riciclabili) e un ripensamento della raccolta delle altre frazioni del rifiuto in tal modo da determinare il miglioramento delle performance di raccolta differenziata.

“In sintesi (rispetto ad un progetto dettagliato che sarà presentato all'approvazione del Comune di Albenga ai fini dell'atto di affidamento), il servizio sarà innovativo sia dal punto di vista dello spazzamento stradale, con nuovi e migliorati equilibri tra spazzamento manuale e spazzamento meccanizzato, sia da quello della raccolta dei rifiuti.” Si legge nella relazione Sat.

Se alcune osservazioni sono state già formulate dalla minoranza a causa dei costi, l’amministrazione risponde facendo leva sull’importanza di avere un servizio efficiente soprattutto dopo la pessima esperienza degli ultimi anni.

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore