/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Causa limiti circolazione centro città Milano per inquinamento, euro 3 fap, vendo perfetta C5 2.2, automatica, pelle,...

Selezioniamo collaboratori ambo i sessi di età min. 23 anni, per lo sviluppo del mercato di sanità integrativa per...

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | mercoledì 14 febbraio 2018, 11:03

'Ndrangheta, il report della Dia: "La Liguria resta una sorvegliata speciale"

La Direzione investiga antimafia ha presentato il report relativo al primo semestre 2017

"Una presenza mafiosa radicata da più di un decennio tra Liguria, basso Piemonte e Costa Azzurra": questo il quadro delineato stamani dalla Direzione investiga antimafia presentando il report relativo al primo semestre 2017.

"Uno scenario a tinte fosche che vede la nostra regione ospitare quattro 'locali' – così la 'ndrangheta definisce i presidi forti, con funzioni di autogoverno, dove ci si riunisce e si prendono decisioni: Ventimiglia, Genova, Lavagna (dove il Comune è commissariato per mafia) e Sarzana. La malavita organizzata in questa macroarea franco-ligure-piemontese si occupa di traffico di droga – strategica la presenza degli importanti porti della regione -, rifiuti, appalti per le grandi opere, infiltrazioni nella pubblica amministrazione".

"Il report della Dia presentato a Genova certo non offre dati confortanti e "la Liguria resta una sorvegliata speciale"
, come affermato dal colonnello Sandro Sandulli, a capo della Direzione investigativa antimafia genovese.

Redazione Genova Post

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore