/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

part-time pomeridiano disponibile ponti primaverili e stagione estiva 2018 pescheria friggitoria in Celle Ligure...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | martedì 20 febbraio 2018, 16:24

Savona, è scontro tra maggioranza e minoranza per la gestione e la manutenzione degli impianti sportivi

Consiglieri Addis e Battaglia: “Manca progettualità”. Assessore Scaramuzza: “Ho trovato gli impianti in situazioni disastrose”

Nella commissione consiliare di ieri pomeriggio il tema degli interventi di manutenzione e gestione degli impianti sportivi ha creato un po' di tensione tra l’assessore allo sport Maurizio Scaramuzza e i consiglieri comunali del Partito democratico Cristina Battaglia e Andrea Addis.

“È stata fatta una lista sommaria di piccole cose fatte come la manutenzione ordinaria degli impianti e l’acquisto dei defibrillatori che però è un costo che si sono sobbarcate le società - spiega il consigliere Addis - L’anno scorso sono state spese delle cifre bassissime e anche nel 2018 si verificherà una cosa analoga se non peggio. Non ho sentito nessuna programmazione di impianti o nuovi o di rifacimenti, i contributi alle società sportive nell’ultimo anno si sono completamente azzerati, le manifestazioni che sono state elencate non hanno quasi nessun costo da parte del comune”.

“Si poteva predisporre un pacchetto di interventi pronti e bisognava farlo un anno fa, non abbiamo mai potuto vedere una progettualità, valutandone gli effetti, il governo Gentiloni ad esempio ha stanziato 100 milioni per il progetto ‘Bando e Periferie’, sarebbe interessante capire quanto si risparmia e come queste somme vengano investite. Da cambiare i criteri ad azzerarli mi sembra un altra questione”, dice Cristina Battaglia.

“Sappiamo come sono stati lasciate in passato le strutture - spiega Scaramuzza - i fondi mancano e l’unica cosa che potevo fare, quando mi sono insediato, è stato occuparmi di girare tutti gli impianti, il tetto di Monturbano urla vendetta, ci impegniamo a metterci mano. In passato sono stati dati contributi a spot alle associazioni sportive, molte invece non sono state considerate, non faccio promesse”.

“Nessuna promessa: dovevano pervenire le richieste, chi le ha effettuate era stato accontentato”, conclude Addis.

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore