/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | venerdì 23 febbraio 2018, 09:13

Continua l'allerta meteo, la Liguria si prepara al "Grande Freddo" (FOTO E VIDEO)

Nella notte nessun intervento rilevante per il maltempo. Ecco la situazione attuale e il Vademecum per affrontare l'emergenza.

Continua l'allerta meteo, la Liguria si prepara al "Grande Freddo" (FOTO E VIDEO)

Si sta a poco a poco delineando lo scenario del "Grande freddo" che si sta per abbattere sulla nostra Regione. Da ieri vide l'allerta meteo per neve (sulle zone D, E e l’interno di B. Allerta gialla  si concluderà alle 12), fortunatamente nella notte non si sono verificati grandi disagi per il maltempo, ma le temperature a poco a poco stanno calando, confermando i modelli meteorologici sui quali si sono basate le previsioni degli ultimi giorni.

Gelo in arrivo domenica 25 febbraio con un calo termico che potrebbe portare la nece anche sulla costa e che vedrebbe le temperature scendere fino a - 15 / - 20° ad alta quota.

Nella notte ancora precipitazioni concentrate nel Ponente e, in particolare, nel savonese. Dalla mezzanotte la stazione di Monte Settepani, situata a quasi 1400 metri di quota, hanno registrato la caduta di 20 centimetri di neve fresca che hanno portato il manto complessivo a 86 centimetri. Precipitazioni nevose sono segnalate anche lungo il tratto tra Liguria e Piemonte dell’autostrada A6 mentre altrove si sono avute deboli piogge (cumulate dalla mezzanotte di 9 millimetri a Calice Ligure, 6.2 a Ellera Foglietto). I venti sono sempre molto intensi dai quadranti settentrionali e acuiscono la sensazione di freddo: nella notte da segnalare le raffiche a 140 km/h al Lago di Giacopiane e a 97 km/h a Fontana Fresca. Il mare è molto mosso, agitato nella parte ovest.

Ovviamente le temperature sono molto basse soprattutto nelle stazioni in quota. Al momento le minime sono i -7.7 di Poggio Fearza (Imperia), -5.3 di Monte Settepani (Savona), -4.2 a Casoni di Suvero (La Spezia), -3.7 a Colle Belenda (Imperia), -3.6 a Barbagelata (Genova), -3.5 a Diga di Giacopiane (Genova), -3.4 a Taglieto (La Spezia), -3.0 a Sella di Gouta (Imperia) e Santo Stefano d’Aveto (Genova).

Nella città capoluogo di provincia queste le minime: Imperia 5.4, Savona 4.6, La Spezia 7.1, Genova: Monte Pennello -2.7, Fiorino 2.8, Castellaccio 3.3, Monte Gazzo 3.7, Madonna delle Grazie 4.2, Premanico 5.1, Pontedecimo 5.4, Quezzi 5.6, Pegli 5.7, Bolzaneto 6.5, Sant’Ilario 6.6, Centro Funzionale 7.1.

La situazione questa mattina:

Cielo grigio stamane nell'entroterra della Liguria dove le temperature nella notte si sono mantenute generalmente sotto lo zero e dove si sono avute deboli nevicate (circa 20cm a Monte Settepani).
Sulle coste il cielo è irregolarmente nuvoloso e le temperature minime hanno raggiunto valori compresi tra i 4.4°C a Savona ed i 7.1°C a La Spezia.

Significativi i venti che soffiano da Nord ed hanno raggiunto valori attorno ai 65km/h con raffiche attorno ai 100km/h sulla costa mentre sui crinali sono stati registrati 110km/h di vento medio con raffiche di 140km/h.

Nelle prossime ore ci aspettiamo ancora nubi compatte nell'entroterra associate a residue deboli nevicate a Ponente mentre sulle coste saranno possibili schiarite anche ampie. Nuovo peggioramento in serata con nubi in aumento, piogge sulle coste e neve nell'interno.

I venti si manterranno da Nord e saranno forti o di burrasca; mare molto mosso, localmente agitato su Capo Mele. Temperature senza variazioni di rilievo.

VADEMECUM PER L’EMERGENZA FREDDO  

1) Regola la temperatura degli ambienti interni in modo che sia conforme agli standard consigliati per temperature invernali (generalmente intorno ai 18 ÷ 22°C).

2) Fai attenzione al grado di umidità degli ambienti: l’aria troppo secca può causare irritazione delle vie aeree, specialmente se soffri di asma o malattie respiratorie; un’umidità eccessiva, al contrario, può provocare condense e favorire la formazione di muffe. È importante aerare adeguatamente gli ambienti, in particolare se ci sono persone malate. Basta aprire per pochi minuti una finestra per cambiare l’aria viziata in una stanza.

3) Se utilizzi sistemi di riscaldamento a combustione (caminetti, caldaie o stufe a gas) fai molta attenzione, sia alla corretta ventilazione degli ambienti che allo stato di manutenzione degli impianti, per evitare il rischio di intossicazione da monossido di carbonio, che può avere conseguenze mortali.  

4) Se usi stufe elettriche o altre fonti di calore fai attenzione al loro corretto utilizzo per evitare il rischio di folgorazione o scottature.

5) Non tenere accesi scaldini o termocoperte mentre dormi, né stufe elettriche in bagno mentre ti lavi.

6) Attento agli sbalzi di temperatura quando passi da un ambiente più caldo ad uno più freddo e viceversa.  

7) Assumi pasti e bevande calde. Evita gli alcolici: non aiutano a difenderti dal freddo, al contrario favoriscono una maggiore dispersione del calore prodotto dal corpo.

8) Fai particolare attenzione ai bambini molto piccoli e alle persone anziane non autosufficienti, coprili bene e controlla periodicamente la loro temperatura corporea.

9) Non uscire di casa se non strettamente necessario e comunque solo nelle ore centrali della giornata. Se esci, indossa sempre sciarpa, guanti, cappello e un caldo soprabito; usa scarpe antiscivolo in caso di ghiaccio; se parti per un viaggio in auto non dimenticare di portare con te coperte e bevande calde e di dotare l’autovettura di catene o pneumatici da neve.

10) Mantieni i contatti con gli anziani che vivono da soli (familiari, amici o vicini di casa) e verifica che dispongano di sufficienti riserve di cibo e farmaci. Segnala ai servizi sociali la presenza di senzatetto o altre persone in condizioni di difficoltà.

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore