/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | martedì 27 febbraio 2018, 13:51

Sparatoria in zona Lavagnola: l’aggressore arrestato dai carabinieri per ricettazione e tentato omicidio

L’uomo aveva con sé una pistola, storditore e un coltello. I carabinieri stanno indagando sul movente dell’accaduto

Sparatoria in zona Lavagnola: l’aggressore arrestato dai carabinieri per ricettazione e tentato omicidio

Una brillante operazione quella condotta dal comando dei carabinieri ieri sera che ha portato all’arresto di Massimo Scozzaro, 46enne che ieri sera in via Santuario zona Lavagnola ha colpito con tre colpi d’arma da fuoco, una calibro 22, il 45enne Enrico Pasquale ricoverato all’ospedale San Paolo di Savona con ferite alle gambe e all’addome.

Il comandante Dionisio De Masi ha fornito tutte i dettagli della delicata operazione a cui sono prontamente intervenuti il maggiore Dario Ragusa, il maresciallo maggiore Giuseppe Mignemi e Il tenente Ettore Grasso oltre a diversi agenti dell’arma, fortunatamente già in zona per un intervento sulla prevenzione dei furti negli appartamenti.

Scozzaro già noto alle forze dell’ordine (fu coinvolto nell’inchiesta Maracanà) per precedenti penali per droga, ha atteso l’arrivo di Pasquale e, coperto da un passamontagna, ha iniziato a sparare tre colpi, due alle gambe e uno al torace, con l’arma che da quanto accertato è stata rubata. 

La vittima ha reagito ed è saltato addosso a Scozzaro, quest’ultimo oltre ad aver avere la meglio in quanto Pasquale era stato ferito,  aveva con sé un coltello e uno storditore. Gli agenti occorsi sono quindi intervenuti per dividere i due e arrestare Scozzaro.

Pasquale è stato trasportato al nosocomio savonese e dopo un intervento chirurgico di esportazione della pallottola non è in pericolo di vita, Scozzaro dovrà rispondere di ricettazione e tentato omicidio, oltre alla denuncia per possesso nella sua abitazione di 38 grammi di hashish.

Ulteriori accertamenti sono in corso sul movente del tentato omicidio, lo spaccio di droga potrebbe essere una delle possibilità, visti i precedenti dei due.  

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore