/ Savona

Savona | 12 marzo 2018, 08:39

A Savona la campagna sociale #Puntidivista

Da qualche giorno campeggiano i manifesti realizzati dai ragazzi dell’ex IVE del corso di grafica e comunicazione, dell’istituto tecnico “Ferraris Pancaldo"

A Savona la campagna sociale #Puntidivista

Da qualche giorno campeggiano a Savona i manifesti della campagna sociale #Puntidivista, realizzata dai ragazzi dell’ex IVE, del corso di grafica e comunicazione, dell’istituto tecnico “Ferraris Pancaldo”. È la conclusione di un percorso cominciato l’anno scorso e che ha ricevuto il patrocinio di ASL2 Savona e del Comune di Savona.

Grazie all’intervento dell’azienda sanitaria locale, che ha provveduto alla stampa, e alla disponibilità del Comune di Savona, ufficio cultura, che ha concesso l’affissione gratuita, è stato possibile divulgare in città i messaggi che i ragazzi hanno rivolto ai loro stessi coetanei: la lotta alle malattie sessualmente trasmissibili, l’importanza delle vaccinazioni e il grave problema del gioco d’azzardo. I poster saranno diffusi in tutto il territorio savonese e nei presidi sanitari, tra cui il Sert e il Centro giovani.

“É bello che la nostra città dia eco alla voce dei nostri ragazzi – ha affermato il dirigente scolastico Alessandro Gozzi -, che hanno realizzato un lavoro ricco di significato culturale e tecnico professionale. Occorre fare parlare i giovani far circolare i loro messaggi positivi”.

Nasce tutto da un progetto che due giovani insegnanti, Omar Tonella e Alice Ferrari, hanno messo in piedi con l’allora IVE dell’istituto tecnico savonese per spingere gli studenti a realizzare manifesti che mostrassero professionalità da un punto di vista grafico e allo stesso tempo sensibilizzassero i ragazzi su tematiche sociali. Alla conclusione del progetto i lavori sono stati oggetto di un contest che ha visto tre vincitori, uno per ambito. Marta Lovesio, ha vinto nella categoria “Gioco d'azzardo”, Luca Gaggero, si è aggiudicato il primo posto con il manifesto dedicato i vaccini e Luca Tesi infine si è affermato con il tema delle malattie sessualmente trasmissibili.

“Non è la prima volta che collaboriamo con le scuole per progetti che hanno ricadute positive sul territorio e sulla collettività: anche questa iniziativa conferma come il “gioco di squadra ” tra enti ed istituzioni permetta di raggiungere ottimi risultati e centrare l’obiettivo, la forza creativa e l’entusiasmo dei giovani si rivelano ogni volta fattori vincenti.- commentano dall’Ufficio Comunicazione di ASL2”.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium