/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 15 marzo 2018, 13:12

Il consigliere Ciangherotti chiede alla giunta Cangiano maggiore fantasia per promuovere il "made in Albenga"

"Scrivo questo a pochi giorni dalla partenza di Fior d’Albenga, manifestazione certamente meritoria, ma da sola insufficiente a promuovere l’agroalimentare albenganese"

Il consigliere Ciangherotti chiede alla giunta Cangiano maggiore fantasia per promuovere il "made in Albenga"

“La Piana di Albenga, con le sue verdure, i suoi vini, i suoi formaggi di pecora brigasca e molto altro, è senza ombra di dubbio uno dei capisaldi dell’enogastronomia ligure. Carciofi spinosi, asparagi violetti, zucchine trombetta, pomodori cuore di bue, basilico dop, olio dop, vini doc, aromatiche e tanto altro, eppure Albenga, a differenza di tante altre cittadine della Riviera, non si è ancora attrezzata con manifestazioni di livello per promuovere le sue eccellenze”. Così Eraldo Ciangherotti, capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale e consigliere provinciale, esordisce per chiedere all’amministrazione Cangiano un maggiore impegno e uno scatto di fantasia per promuovere il “made in Albenga”.

Prosegue: “Scrivo questo a pochi giorni dalla partenza di Fior d’Albenga, manifestazione certamente meritoria, ma da sola insufficiente a promuovere l’agroalimentare albenganese, ad un giorno di distanza del Salone Agroalimentare Ligure di Finale Ligure, dove ci saranno molti produttori e artigiani albenganesi del settore, e a pochi dal Pestoday, dove Albenga, per fortuna, si è accodata all’iniziativa della Regione. La maggior parte dei Comuni rivieraschi organizza eventi per promuovere l’agroalimentare, settore turisticamente importante, Albenga si limita, come ha detto l’assessore Passino, ad accodarsi a Calici di Stelle, minimo sindacale per essere stati ammessi alle Città del Vino". 

"Se l’amministrazione Cangiano ha idee per promuovere l’agroalimentare bene, altrimenti la prossima amministrazione di centrodestra saprà valorizzare le eccellenze ingaune, frutto del lavoro e del sapere dei nostri agricoltori. Abbiamo idee e fantasia per promuovere anche questo settore" conclude Eraldo Ciangherotti

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium