/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 21 marzo 2018, 14:25

Caso-Bolia: la Carisa risarcirà un milione di euro al Comune di Calice Ligure

Il sindaco Alessandro Comi: "Continueremo a seguire con attenzione tutto il complesso iter legale affinché alla cittadinanza venga restituito il più ampio rimborso possibile"

Caso-Bolia: la Carisa risarcirà un milione di euro al Comune di Calice Ligure

Giunge a una svolta decisiva il caso-Bolia di Calice Ligure. Era il 2014 quando Paolo Bolia, dipendente comunale di Calice, si toglieva la vita dopo essere stato accusato di essere coinvolto in una vicenda di ammanchi nelle casse comunali.

Adesso la sentenza derivante dal rito abbreviato ha imposto alla Carisa di consegnare circa un milione di euro al Comune di Calice. Ne dà comunicazione ufficiale la stessa amministrazione, scrivendo così: "L’amministrazione comunale comunica che la Corte de Conti in ordine alla richiesta di rito abbreviato presentata da Banca Carige, dal signor Guiot Marco e dagli eredi del ragionier Bolia Paolo ha stabilito quanto segue.

È stata accolta l’istanza subordinata di definizione del giudizio con rito abbreviato presentata dal legale rappresentante della Banca Carige S.p.a. ed è stata determinata la somma dovuta dalla convenuta nella misura di 999.954,90 euro oltre ad interessi e rivalutazione monetaria da calcolarsi dalla data di deposito dell’atto di citazione sino al giorno dell’integrale soddisfo, in favore del Comune di Calice Ligure.

Il giorno 5 di marzo abbiamo ricevuto da parte di Banca Carige la somma di euro 1.005.156,71 e la quietanza firmata dal sindaco è stata inviata il giorno 13.

La Corte dei Conti ha dichiarato invece inammissibile l’istanza di definizione del giudizio con rito abbreviato presentata dagli eredi di Bolia Paolo, nella persona del coniuge, in quanto considerata tardiva.

La prossima udienza in camera di consiglio per l’accertamento dell’avvenuto regolare versamento e per la prosecuzione del giudizio, nei confronti degli eredi Bolia e del revisore dei conti, quale chiamato in via sussidiaria, è stata fissata per il 18 aprile 2018.

L’amministrazione comunale continua a seguire con grande attenzione il complesso iter legale che auspichiamo possa portare ad un rimborso il più ampio possibile di quanto è venuto a mancare alle amministrazioni ed alla cittadinanza intera negli anni interessati".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium