/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | sabato 14 aprile 2018, 11:38

“Furbetto” del cartellino: arrestato dai carabinieri un dipendente del Comune di Alassio (VIDEO)

I carabinieri della stazione di Alassio hanno fermato l’uomo con un’indagine durata due mesi appurando che timbrava il cartellino per poi allontanarsi per tutta la durata del turno: sottoposto agli arresti domiciliari

I carabinieri della stazione di Alassio, nella giornata del 13 aprile 2018, hanno tratto in arresto un dipendente del Comune di Alassio, con mansioni di operaio generico, A. G., 57 anni (lavoratore in Comune da 21 anni), che da tempo era avvezzo timbrare il cartellino al suo arrivo sul posto di lavoro per poi allontanarsi subito dopo per tutta la durata del turno.

I militari lo hanno ripreso mentre con assoluta tranquillità passeggiava lungo le strade del centro cittadino anche insieme alla compagna, si fermava per lunghe pause all’interno di bar o addirittura al supermercato dove aiutava la donna nella scelta dei prodotti da acquistare. Talvolta è staro addirittura immortalato mentre faceva ritorno presso la propria abitazione ove permaneva per diverse ore.

L’attività ha avuto inizio dopo che un carabiniere, libero dal servizio, all’interno di un bar, ha sentito alcuni avventori intenti a narrare le “gesta” dell’operaio che si “vantava”di poter fare ciò che voleva essere controllato.

Ha avuto inizio così la vera e propria attività d’indagine nel corso della quale sono stati svolti numerosi servizi di osservazione e pedinamento. Dalle prime ore della mattina i carabinieri alassini si sono posti nei pressi degli uffici comunali aspettando l’arrivo dell’operaio che poi, dopo aver “timbrato” risaliva sulla sua auto o a piedi, e si dedicava a tutt’altre faccende.

A conclusione dell’attività di indagine, durata oltre due mesi, i carabinieri della stazione di Alassio hanno formalizzato a A.G. competente (con precedenti penali), una richiesta di emissione di misura cautelare, allo scopo di porre termine a queste azioni e componenti illeciti posti in atto dall’operaio. Il Gip del Tribunale di Savona, accogliendo le risultanze investigative, ha disposto di sottoporre l’individuo agli arresti domiciliari.

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore