/ Eventi

Spazio Annunci della tua città

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

part-time pomeridiano disponibile ponti primaverili e stagione estiva 2018 pescheria friggitoria in Celle Ligure...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Eventi | lunedì 16 aprile 2018, 15:18

Il Museo della 500 di Garlenda aderisce nuovamente a "Invasioni Digitali"

E quest'anno sarà una "doppia invasione": dopo la struttura museale, il Castello Costa del Carretto

Anche quest'anno il Museo della 500 aderisce al programma culturale Invasioni Digitali. Si tratta di un urban-game che fornisce una visione differente dei luoghi di cultura: armati di smartphone e tablet, tutti possono partecipare all'invasione e far conoscere, tramite condivisioni sui social, la bellezza e l'interesse del luogo invaso.

Il 21 aprile 2018 a Garlenda si terrà un doppia invasione! A partire dalle 15.30 le porte del Museo "Dante Giacosa" saranno aperte per chiunque voglia conoscere un pezzo di storia del nostro Paese attraverso la mitica 500: modelli speciali, pannelli illustrativi, giochi multimediali e molto altro vi attendono per rendere indimenticabile questa esperienza.

A seguire si terrà l’invasione del Castello Costa del Carretto, di proprietà del Comune di Garlenda e gestito dalla società “Il Lentisco srl”. Un luogo pieno di storia che racchiude il fascino di racconti risalenti addirittura al XII secolo. All’interno una interessante esposizione di antiche vestigia della civiltà contadina.

A conclusione della visita verrà offerto dalla società “Il Lentisco” e dal Fiat 500 Club Italia un rinfresco presso le splendide cantine del Castello.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore