/ Eventi

Spazio Annunci della tua città

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Eventi | martedì 17 aprile 2018, 09:27

I Giovani per la Scienza visitano a Tolosa la Città dello Spazio

I giovani scienziati savonesi hanno visitato la Citè de l'Espace

70 ragazzi dell'Associazione "Giovani per la Scienza" sono tornati a casa dopo la visita scientifica alla Citè de l'Espace, presso Tolosa, in Francia.

I giovani, partiti venerdì 13 e tornati domenica 15 Aprile, hanno dedicato l'intera giornata di sabato 14 alla visita della Citè de l'Espace.

Il gruppo, per esplorare l’esposizione, ha avuto tre eccellenti ciceroni, appartenenti all'Associazione, che lavorano nell’ambito europeo delle imprese spaziali con ruoli di  prestigio: Sergio Palumberi, EDRS Operations Manager in Airbus Defence and Space, Daria Margiotta, Team Lead, Operations Coordination and Planning per il modulo Columbus della Stazione Spaziale Internazionale ISS, Livio Vicinanza, Executive Assistant in Airbus presso la sede centrale di Tolosa. Questi hanno condotto i giovani nell’immensità dello Spazio con fascino e grande competenza scientifica.

Tutto ha funzionato nel minimo dettaglio e al minuto, dalle 10 del mattino alle 18 di sera, grazie all'organizzazione di Viviana Palumberi, socia delegata dai giovani ai rapporti internazionali, che insegna matematica presso il Liceo di Aarau, scuola che fu frequentata da Einstein.

Si è visto quanto sia sofisticata la tecnologia dei vettori spaziali, la gestione delle informazioni e delle comunicazioni attraverso l'utilizzo di ben 1200 satelliti orbitanti intorno alla Terra, quanto siano interessanti gli esperimenti fisici, chimici, biologici e medici che vengono fatti in assenza di gravità e come questi abbiano importanti ricadute nella nostra società, dalle telecomunicazioni, all’elettronica, alla scienza dei materiali, alla medicina. Il contatto è stato diretto provando a rannicchiarsi nella capsula Soyuz, osservando una pietra portata direttamente dalla superficie lunare e provando la sensazione di una corsa con la bassa gravità della Luna.

Un anno di studio nella loro sede presso il Campus Universitario di Savona ha impegnato i giovani dell’Associazione per arrivare preparati a questo viaggio scientifico, come loro stessi tengono a denominarlo. Hanno imparato come si calcolano le orbite spaziali, come si lancia un missile, quanto coraggio e volontà abbiano avuto gli esploratori nella storia dello Spazio.

In questo periodo è stato per loro emozionante ricevere il saluto dell’astronauta Paolo Nespoli, mentre con la stazione spaziale ISS passava sopra Savona.
Li ha aiutati in questo percorso Carlo, socio universitario, che studia Ingegneria Aereospaziale a Torino e tutto il team di universitari, che sotto la guida della Presidente Bianca Ferrari, dirigono l’Associazione e che con scrupolo e precisione hanno organizzato ogni dettaglio di questo progetto.

Dalle esplorazioni spaziali alla visita delle mura medievali della città di Carcassonne, con un grande balzo indietro nel tempo si è conclusa questa significativa esperienza.

Un grande grazie i ragazzi lo rivolgono alla Fondazione De Mari e all’Unione Industriali per i contributi che hanno voluto devolvere per questa iniziativa.

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore