Elezioni comune di Albenga

Elezioni comune di Pietra Ligure

 / Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 21 aprile 2018, 11:00

Albisola, sicurezza e viabilità sull’Aurelia, sindaco Orsi: “Siamo un’unica grande città da Varazze a Vado, troviamo soluzioni insieme”

Il sindaco Orsi insieme ai primi cittadini del levante savonese ha messo in campo diverse soluzioni come il ribaltamento del casello autostradale e lo spostamento dello svincolo della Margonara

Albisola, sicurezza e viabilità sull’Aurelia, sindaco Orsi: “Siamo un’unica grande città da Varazze a Vado, troviamo soluzioni insieme”

Due incidenti nel giro di tre giorni che sono costati la vita a due donne (Ilvana Giusto, 71 anni schiacciata da un camion sulle strisce ad Albissola e Miranda Galassi 81enne che ha perso la vita a Marina) hanno portato alla decisione del sindaco di Albisola Superiore Franco Orsi di istituire un consiglio comunale -assemblea pubblica nel palasport albisolese "Angelo Besio" per discutere dei temi scottanti della sicurezza stradale e della viabilità.

Importante la presenza dei cittadini, colpiti dai tragici eventi e dalla difficile situazione che si sta verificando da anni nella zona del levante savonese non ultimo il blocco del traffico nella giornata di ieri a causa dell’incidente autostradale a Spotorno.  Al tavolo insieme a Orsi, i sindaci dei comuni di Varazze Alessandro Bozzano, Celle Ligure Renato Zunino, Albissola Marina Gianluca Nasuti, il vicesindaco di Savona Massimo Arecco oltre ai membri della minoranza presenti anche i parlamentari savonesi, il senatore Paolo Ripamonti e la deputata Sara Foscolo e in rappresentanza della Regione i consiglieri Luigi De Vincenzi, Andrea Melis e Angelo Vaccarezza.

Lo stato di realizzazione dell'Aurelia bis procede a passo spedito e lo scorso mercoledì i lavori sono arrivati in via Schiantapetto a Savona ma permangono diversi dubbi soprattutto sulla difficile situazione stradale di Albisola dove gli ultimi episodi di cronaca hanno creato apprensione nei cittadini e se i lavori termineranno nell'estate 2019 ancora sono da attuare le strategie per evitare che i camion si riversino sull'Aurelia.

Sono stati diversi gli argomenti trattati, lo spostamento del casello autostradale tra i più concitati, l'area davanti all'attuale casello in cui verranno a incrociarsi le auto/camion in arrivo dall'Aurelia e chi in uscita procederà per la nuova via alternativa.

"Il Progetto in esecuzione ha però due carenze: la prima è che lo svincolo della Margonara che è in costruzione non prevede l'ingresso dei veicoli da Savona per Albisola e quindi in questa direzione non si potrà sgravare l'Aurelia dal traffico pesante proveniente da Savona e l'Aurelia bis sarà quindi funzionale (nei due sensi) solo per l'uscita di Corso Ricci e solo nel senso Albisola/Savona per l'uscita del Porto" spiega il sindaco Orsi.

"Il secondo problema deriva dal fatto che il traffico che non si muoverà più in direzione mare di corso Mazzini verrà dirottato in via Turati e via Italia finendo con l'interessare un pezzo dell'abitato di Albisola. Se è pur vero che di tutto il traffico che oggi passa in corso Mazzini una buona metà andrebbe quindi in un'altra strada della città il semplice primo lotto dell'Aurelia bis è solo una soluzione parziale e non soddisfacente" continua il primo cittadino.

Le soluzioni proposte dal primo cittadino albisolese, riguardano lo spostamento dello svincolo della Margonara in modo che dalla zona porto di Savona i mezzi possano entrare sull'Aurelia bis in direzione Albisola, realizzare il ribaltamento del casello autostradale di Albisola in modo da portare l'uscita della nostra autostrada direttamente sull'Aurelia bis attraverso una nuova strada sul lungofiume Sansobbia evitando così che il traffico generato dall'autostrada passi in mezzo alla città (abitato di Superiore).

Tutto fermo invece per le eventuali altre idee: il casello Albamare (zona della villetta a Savona) non ha ricevuto il consenso della città di Savona e per questo è stato realizzato il primo lotto dell'Aurelia bis.

Uniti nelle parole e idee del sindaco i primi cittadini del savonese, Zunino, Celle: “Già nel 1975 si parlava di questa problematica”; Nasuti, Albissola: “Non serve spostare il problema di qualche km, lavoriamo nella conclusione del primo lotto, poi su le maniche entro il 2019 per il secondo”; Bozzano, Varazze: “Dobbiamo muovere una strategia su tutto il territorio, apriamo un tavolo di sviluppo”; Arecco, Savona: “la situazione è fuori controllo, io stesso ho perso mio padre investito sulle strisce pedonali, ci sono tanti punti interrogativi batteremo i pugni sul tavolo, ma bisogna modificare anche il nostro stile di vita, pensiamo al trasporto pubblico”.

I consiglieri della minoranza del comune di Albisola si sono scagliati contro l’attuale amministrazione: “Nel 2009 presentammo una mozione che si concentrava sull’inquinamento e sulla viabilità ed è stata bocciata per ben tre volte, sono stati 9 anni di assenza della politica, ne abbiamo preparata un’altra, non facciamo tavoli e tavolini non servono, la soluzione del casello di Albamare è la più praticabile”.

“Il problema del traffico nel nodo di Albisola è un problema di tutto il comprensorio della grande città che parte da Varazze e arriva a Vado Ligure, siamo una grande e unica città e abbiamo bisogno di mantenere l'alleanza tra tutte le istituzioni interessate perché da soli non si va da nessuna parte. La situazione ha bisogno di soluzioni immediate e possibili, dobbiamo metterle in campo in tempi ragionevoli” conclude Orsi.

Spazio poi ai cittadini, diversi gli interventi provando a trovare ulteriori soluzioni: “Mi soffermo su un tema importante sottolineato dal sindaco di Celle che è quello di dove intercettare l’Aurelia Bis. Questo problema è comune a qualunque soluzione che verrà trovata per smaltire il traffico a Savona. Il problema è che quando l’Aurelia bis sarà in funzione tutto il traffico che viene da Celle passerà sul bypass e ci saranno problemi quindi senza aspettare il completamento dell’Aurelia bis io pianificherei da subito quel che era già nel progetto iniziale. I tempi ci sono e ci penserei già adesso” spiega un albisolese.

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium