/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 23 aprile 2018, 19:15

L’ex magistrato Caselli a Savona: “Andreotti ha commesso un grave reato ma è stato assolto, perché?”

Gian Carlo Caselli ha illustrato nell’aula magna del liceo Artistico il suo libro: “La verità sul processo Andreotti”

L’ex magistrato Caselli a Savona: “Andreotti ha commesso un grave reato ma è stato assolto, perché?”

Giusto a tre giorni dalla importante sentenza sui rapporti tra Stato e Mafia che ha portato alla condanna di 12 anni di reclusione a Marcello Dell'Utri, Mario Mori, Antonio Subranni e Antonio Cinà, 8 all'ex capitano dei carabinieri Giuseppe De Donno e 24 al boss Leoluca Bagarella, a Savona arriva Gian Carlo Caselli, ex procuratore capo di Palermo e Torino.

Caselli è stato ospite del liceo artistico in via Manzoni per un evento curato dalla libreria Ubik dove, è stato introdotto dal giornalista Mimmo Lombezzi e ha presentato il suo libro "La verità sul processo Andreotti".

Il libro scritto insieme al magistrato Guido Lo Forte, spiega come sono andate davvero le cose, a partire dall'assoluzione di Giulio Andreotti che fino al 1980 avrebbe commesso il reato di associazione a delinquere con Cosa Nostra ma sarebbe stato prescritto. 

I due autori del libro spiegano anche perché in Italia la lotta alla mafia innesta troppo spesso la marcia indietro. Se lo Stato non ha ancora sconfitto le mafie, ribadiscono Caselli e Lo Forte, non è solo una questione di uomini e mezzi. E’ che con troppa frequenza i successi sono accompagnati dalle retromarce e dai contrattacchi del solito circuito politico-mediatico. Fu così – ricostruiscono puntigliosamente nel libro – per Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, largamente osteggiati dopo aver portato a casa il più grande successo dello Stato nella lotta alla mafia, cioè le condanne al maxiprocesso di Palermo. E’ stato così anche per i magistrati che hanno osato portare sul banco degli imputati il politico più potente e più compromesso della Prima repubblica.

"Il popolo italiano è stato truffato, questo è stato un problema di democrazia, tutto ciò può ritornare e rovinarci addosso, vogliamo dire come si è creato il consenso in questo Paese?” spiega Gian Carlo Caselli.

“Questo processo è importante per andare oltre parlando di un problema che chiamiamo negazionismo, una corrente di pensiero che considerava il rapporto tra mafia e politica solo localista, ma questo è stato invece un problema nazionale” dice l’ex magistrato.

“Nel merito del processo non sono mai entrato, il terreno della trattativa è estremamente rischioso, si sono combinati interessi criminali ad altri interessi, posso dire di conoscere i pubblici ministeri, sono professionisti esemplari che hanno scrupolosamente adempiuto al loro dovere, cercando la verità, meritano un grande rispetto per il loro nobile lavoro” conclude Caselli.

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium