/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

part-time pomeridiano disponibile ponti primaverili e stagione estiva 2018 pescheria friggitoria in Celle Ligure...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | lunedì 14 maggio 2018, 12:19

Elezioni Alassio, Vaccarezza interviene ed attacca Melgrati: "Dalla politica per passione alla politica del pasticcione"

Il capogruppo in Regione di Forza Italia dopo la querelle sulla questione del simbolo elettorale: "Se fossimo a in una nota trasmissione delle reti Mediaset, a questo punto si sentirebbe la voce di Barbara D'urso sentenziare: Marco, devi definitivamente abbandonare la casa. In questo caso, delle Libertà".

Una campagna elettorale dai toni sempre più accesi ad Alassio dove la frattura del centrodestra era stata annunciata dopo la decisione di Marco Melgrati di candidarsi.

'Abbandonato' da tutti i simboli di partito, Melgrati non ha mai fatto passi indietro lanciandosi inoltre in forti attacchi non solo al candidato Enzo Canepa, ma anche nei confronti dei vertici di partito e regionali, soprattutto in occasione della bagarre 'simbolo': Melgrati è stato costretto, infatti, a cambiare per ben due volte il suo simbolo perché troppo simile a quello della "Casa delle Libertà".

Ad intervenire sul punto oggi il capogruppo di Forza Italia il consigliere regionale Angelo Vaccarezza: "Il dieci Giugno 2018 Alassio sceglierà il suo nuovo sindaco: sinceramente avrei evitato di infierire su un avversario in evidentemente stato di 'confusione elettorale', ma vista l'arroganza, e soprattutto, la quantità di bugie scritte anche nell'ultimo comunicato stampa, è necessario dire quale sia la verità, e dire come sono realmente andate le cose.

La nostra storia va in scena nella meravigliosa cornice di Alassio dove l'ex sindaco, ex consigliere provinciale ed ex consigliere regionale Marco Melgrati ha messo in scena il suo personale spettacolo durante la presentazione delle liste. Andiamo con ordine: il nostro Marco dopo aver deciso di candidarsi alla carica di Sindaco, a capo di una lista civica, inizia a fare dichiarazioni quanto meno discutibili: si autoproclama "Ras" locale di Forza Italia, con tanto di commovente lettera al Presidente Silvio Berlusconi (fonti interne riportano che Silvio abbia detto: Melgrati chi?).

Dopodichè, si autoconferisce il simbolo della Casa delle Libertà; a poco valgono i richiami alla prudenza e così, agli sgoccioli della scadenza del termine ultimo per la presentazione della lista, arriva puntuale la diffida a non utilizzare un simbolo del quale non può più fregiarsi, e viene informalmente invitato dagli organi competenti a cambiare simbolo. Il nostro ArchiMarco va nel panico e, avvalendosi dei consigli dei ben quattro avvocati in lista con lui prende LA decisione: nuovo simbolo e nuova raccolta firme.

Tutti provano a spiegargli che la nuova raccolta firme non serve, basta cambiare il simbolo una volta ricusato, ma lui al grido di "sugnu io u Berluschinu" ordina la prova di forza. Tant'è, l problema è che per la seconda volta come si dice a Roma " ce prova" ed il simbolo cambia di pochissimo.

Una cosa vorrei fosse chiara: Marco Melgrati ha tutto il diritto di fare ciò che vuole, ma indossando la maglia della sua attuale squadra, non certo quella in cui giocava prima.

Sarebbe come se Leonardo Bonucci volesse fare una partita con la maglia della Juventus, ormai ha cambiato squadra, è un giocatore del Milan, e dove giocava prima di certo non lo rimpiangono.

Il finale della storia è noto: secondo plagio e seconda ricusazione, questa volta ufficiale, da parte della Commissione mandamentale.

Così, in un bel Sabato sera di Maggio, tutti a disegnare un terzo simbolo, augurandosi di non sbagliarlo un'altra volta. Se fossimo a in una nota trasmissione delle reti Mediaset, a questo punto si sentirebbe la voce di Barbara D'urso sentenziare: Marco, devi definitivamente abbandonare la casa. In questo caso, delle Libertà".

redazione

Animus Loci:
tracce d'Europa nel cuore d'Italia

In diretta sul nostro quotidiano venerdì 25 maggio dalle ore 17. SCOPRI DI PIU'

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore