/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 15 maggio 2018, 13:24

Borghetto: tutto il consiglio comunale unito sul tema del Piano d'Ambito

Il sindaco Canepa: "Proposte che vanno anche a vantaggio dell'impatto economico su tutto l'ATO". Villa (Liberiamo Borghetto): "Uniti per il bene di cittadini e territorio. Maritano (In Cammino): "Facciamo una delegazione in Regione per spiegare le nostre motivazioni"

Borghetto: tutto il consiglio comunale unito sul tema del Piano d'Ambito

Lunedì 14 maggio: nel pomeriggio il tema del Piano d’Ambito su rete idrica e depurazione approda in consiglio comunale a Borghetto Santo Spirito.

Ad introdurre il dibattito è il sindaco Giancarlo Canepa, che nella sua premessa ricorda la sentenza della Corte Costituzionale nella quale è dichiarato illegittimo il terzo ATO, come annunciato circa un anno fa su Savonanews (leggi QUI).

Dopodiché il primo cittadino torna a ribadire pubblicamente le sue recenti dichiarazioni rilasciate agli organi di informazione (leggi QUI). Afferma Canepa: “Per un comune come il nostro (NdR: sul sito tuttitalia.it è il 65° su 69 della provincia per superficie territoriale in kmq) dover fare fronte ai reflui di un comprensorio da 250mila abitanti è veramente difficile. Visti anche i tempi stretti mi pare ovvio che realisticamente sarebbe impossibile cambiare ora il Piano d’Ambito, ma siamo riusciti almeno a fare accettare le nostre osservazioni in riunione e a farle mettere a verbale, auspicando che il gestore ne tenga conto.

Inoltre – prosegue Canepa – abbiamo mosso un’obiezione legata al fatto che il consiglio della futura società che gestirà l’ambito prevede 5 dirigenti. A nostro avviso, trattandosi di una società pubblica che gestirà in house questi servizi, in un periodo storicamente di sacrifici a livello economico come quello che l’Italia sta vivendo, ne basterebbero tre, in nome del risparmio per i cittadini”.

Conclude il sindaco: “Ho convocato una conferenza dei capigruppo sul tema e sono felice di constatare che su un tema così importante e delicato la pensiamo tutti allo stesso modo. Abbiamo sviluppato insieme delle proposte alternative che consentirebbero anche dei risparmi ma naturalmente non è nostra intenzione a livello di ATO fare muro in maniera ottusa: al contrario, siamo pronti a valutare insieme anche altre soluzioni”.

Il punto all’ordine del giorno viene approvato all’unanimità. Così il commento dei capigruppo di minoranza.

Pier Paolo Villa (Liberiamo Borghetto): “Ringrazio il sindaco Canepa per aver convocato con urgenza questa riunione di capigruppo, sono lieto di aver partecipato e confermiamo la nostra linea comune. Siamo qui tutti solo per fare l’interesse dei cittadini e del territorio, per cui la totalità del consiglio si schiera per fare fronte compatto su questo tema”.

Giancarlo Maritano (In Cammino): “Non soltanto mi associo alle parole del sindaco e del consigliere Villa, ma faccio una proposta: organizziamo tutti insieme una delegazione per portare queste tematiche in Regione. Alla fine è là che si prendono le decisioni. Ho letto attentamente tutta la documentazione e siamo di fronte a un piano datato nei presupposti e nelle metodologie, ma naturalmente non è mia intenzione fare alcun tipo di polemica, visto che in passato sono stati evidentemente compiuti sbagli da tutti a prescindere da colori e bandiere. Quindi muoviamoci compatti per far presente in Regione questi errori”.

Alberto Sgarlato

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium