/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

part-time pomeridiano disponibile ponti primaverili e stagione estiva 2018 pescheria friggitoria in Celle Ligure...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | giovedì 17 maggio 2018, 12:03

Albenga, Ciangherotti: "No al trasferimento del mercato. Il sindaco, persona di buon senso, ci ripensi"

Ed aggiunge: "Giù le mani dal mercato in via Dalmazia"

“Giù le mani dal mercato in via Dalmazia. Questo pomeriggio il sindaco Cangiano, assieme agli assessori Riccardo Tomatis e Manlio Boscaglia hanno in programma un incontro con gli ambulanti per convincerli a ritornare sul Lungo Centa Croce Bianca. Il primo cittadino si fermi e ci ripensi. Dal 2001, anno del trasferimento in via Dalmazia, il mercato ha perso 43 banchi, passando da 202 a 159, un segnale chiaro della crisi che coinvolge anche il commercio ambulante. Il valore dei banchi è precipitato, così come sono precipitati gli incassi. Un nuovo trasferimento, con conseguente cambio di abitudini per la clientela, avrebbe un effetto devastante per il settore. Se si vuole realmente razionalizzare il mercato del mercoledì sarebbe meglio valutare e riorganizzare gli spazi rimasti vuoti in questi anni”: così Eraldo Ciangherotti, capogruppo di Forza Italia ad Albenga e consigliere provinciale, commenta l’ipotesi di trasferimento dei banchi sul Lungo Centa Croce Bianca sino al monumento ai Caduti dell’Aeronautica.

Prosegue: "Anche sulla nuova-vecchia collocazione c’è molto da dire, viste le criticità. La prima, come detto, riguarda la compatibilità economica, si tratta di una zona decentrata, che avrà bisogno di molto tempo prima di venire vista dalla clientela come attrattiva. Ma ci sono anche ragioni di pericolosità e ordine pubblico. Il Piano di Bacino la classifica come pericolosa perchè a rischio esondazione, ma soprattutto in zona c’è il plesso scolastico di via degli Orti, con ben 737 studenti tra materne, elementari, medie. Facile prevedere i disagi “esponenziali” sulla viabilità  congestionata, che si ripeterebbero ogni mercoledì all’entrata e all’uscita delle scuole, per il mancato utilizzo dell’accesso alla scuola lato Lungofiume. Altrettanto evidente rilevare la pericolosità delle vie di fuga per gli alunni, in caso di calamità. Probabilmente la Prefettura, per problemi di ordine pubblico, contesterebbe il trasferimento". 

Conclude: "Per tutto questo invito sindaco e assessori a non seguire le lamentele di qualche agente immobiliare iscritta al Pd che ritiene di essere danneggiata dalla presenza dei banchi davanti alla sua agenzia, ma di dare retta non ad Eraldo Ciangherotti, ma ai commercianti ambulanti che stanno vivendo un periodo di profonda crisi". 

c.s.

Animus Loci:
tracce d'Europa nel cuore d'Italia

In diretta sul nostro quotidiano venerdì 25 maggio dalle ore 17. SCOPRI DI PIU'

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore