/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

part-time pomeridiano disponibile ponti primaverili e stagione estiva 2018 pescheria friggitoria in Celle Ligure...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | giovedì 17 maggio 2018, 12:17

Costa: "Proviamo a garantire più sicurezza nei boschi e maggior tutela al ruolo dei cacciatori"

Questa mattina nella seduta della Commissione Attività Produttive sono stati illustrati due provvedimenti

 

Questa mattina nella seduta della III Commissione, presieduta da Andrea Costa, (Liguria Popolare-Noi con l’Italia) è stato illustrato il Disegno di legge 189, proposto dell’assessore Stefano Mai, che introduce alcune agevolazioni per i cacciatori: in particolare è prevista l’esenzione della quota regionale del tesserino nel primo anno di iscrizione.

"Questa novità rappresenta un’importante inversione di tendenza perché, con questa agevolazione – spiega il presidente Andrea Costa – viene riconosciuto il ruolo dei cacciatori, che rappresentano una risorsa per la fruibilità dei nostri boschi in quanto contribuiscono alla pulizia dei sentieri e al controllo del nostro entroterra. Purtroppo, però, il loro numero sta progressivamente diminuendo e l’età media è sempre più elevata. Credo, dunque, che sia utile promuovere l’attività venatoria  fra i giovani adottando misure come quella prevista in questo disegno di legge".

Nella stessa seduta è stata illustrata anche la Proposta di legge 179, presentata da Angelo Vaccarezza e Claudio Muzio, che prescrive che i cercatori di funghi siano dotati, con l’acquisto del tesserino giornaliero, di un giubbotto rifrangente: «Ho aggiunto la mia firma a questo provvedimento – aggiunge il presidente Costa – perché ritengo sia necessario garantire la massima sicurezza a chi frequenta il bosco, come i cercatori di funghi. Dobbiamo adottare tutte le misure necessarie per ridurre il rischio di incidenti e cercare di rendere compatibili e sicure due attività tipiche nel nostro territorio: la caccia e la ricerca di funghi».

Il presidente auspica che i due provvedimenti siano licenziati rapidamente dalla III Commissione per essere approvati del Consiglio regionale

c.s.

Animus Loci:
tracce d'Europa nel cuore d'Italia

In diretta sul nostro quotidiano venerdì 25 maggio dalle ore 17. SCOPRI DI PIU'

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore