/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 21 maggio 2018, 13:53

Savona, defibrillatori, Salvataggio 2.0 e lavoro per i migranti: novità sulle spiagge savonesi (FOTO e VIDEO)

Tre le iniziative che hanno coinvolto i Bagni Marini in collaborazione con l'associazione Chicchi di Riso Onlus, Capitaneria di Porto e CooperArci. Consegnata la bandiera blu a Savona

Savona, defibrillatori, Salvataggio 2.0 e lavoro per i migranti: novità sulle spiagge savonesi (FOTO e VIDEO)

24 defibrillatori nel tratto tra Albisola, Savona e Vado, sulle postazioni dei bagnini saranno presente defibrillatori di ultima generazione, automatici, un presidio importante dal punto di vista della salute, è stata presentata questa mattina presso i bagni Olimpia l'iniziativa messa in campo dai balneari.

Il presidente regionale del Sib Bagni Marini Enrico Schiappapietra ha illustrato, dopo la consegna della bandiera blu alla città di Savona per il ventesimo anno consecutivo alla presenza dell'assessore regionale Marco Scajola, il sindaco Ilaria Caprioglio e l'assessore Pietro Santi, tutte le novità per la stagione estiva 2018 racchiuse in tre progetti grazie al supporto dell'associazione Chicchi di Riso Onlus, Capitaneria di Porto e CooperArci.

"Circa 50 bagnini sono stati formati e saranno in grado di utilizzare i defibrillatori - spiega Schiappapietra - ma non solo, insieme alla Capitaneria lanciamo il Salvataggio 2.0, ogni stabilimento svolgerà un intervento di salvataggio collettivo non più singolarmente e con propria responsabilità, metteremo in comunicazione tutte le torrette, costituendo un Consorzio che in via sperimentale inizierà nella spiaggia delle Fornaci nel tratto compreso tra i bagni Arci e i bagni Olimpia, in caso di incidente avremo più persone che riescono a intervenire simultaneamente comprendendo i tratti di spiaggia libera".

Inoltre è stato siglato un accordo con CooperArci (presente il vice presidente Simone Zilioli) per l'inserimento da giugno sulle spiagge di qualche migrante, al momento 4 i ragazzi interessati, facendogli imparare un'attività in un'ottica futura che vedrà anche coinvolto il progetto Sprar minori. 

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium