/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Causa limiti circolazione centro città Milano per inquinamento, euro 3 fap, vendo perfetta C5 2.2, automatica, pelle,...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | martedì 22 maggio 2018, 19:29

L'Assessore Berrino sul lavoro: "Massimo impegno per la salvaguardia occupazionale"

L'assessore regionale si dichiara ottimista per il futuro

“Il cronoprogramma sui bandi per gli attuali 115 dipendenti dei Centri per l'impiego della Liguria è da tempo noto e prevediamo che porti al mantenimento dell'80% dell'attuale numero di occupati, attraverso due concorsi, tra contratti a tempo determinato e indeterminato. Gli altri lavoratori troveranno ricollocazione negli enti accreditati, attraverso Alfa, come previsto dalla nuova normativa nazionale di riordino dei Centri per l'impiego, per i servizi non obbligatori". Lo dichiara l'assessore regionale alle Politiche attive del Lavoro Gianni Berrino in merito alla situazione dei lavoratori dei centri per l'impiego, ricevuti oggi in consiglio regionale. 

"Comprendo le legittime preoccupazioni dei lavoratori delle cooperative, che oggi abbiamo ricevuto in consiglio e che ho rassicurato: Regione Liguria crede nel rilancio dei Cpi ed è impegnata nella tutela delle professionalità interne ai Centri, indispensabili per l'efficientamento dei servizi al cittadino. I due bandi, che prevediamo di chiudere uno entro novembre e uno entro febbraio prossimo, hanno seguito l'iter dettato dagli stanziamenti di risorse governative e le tempistiche sono dettate dallo svolgimento di due prove scritte e una orale, previste di legge. Infine, stiamo valutando, in termini di legge, la possibilità di provvedere a un appalto 'ponte', nel caso si verificasse un 'buco' contrattuale di tre mesi, tra la cessazione del contratto e la ricollocazione attraverso concorso” conclude l'assessore regionale alle Politiche attive del Lavoro Gianni Berrino. 

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore