/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 23 maggio 2018, 19:34

In prima linea contro la criminalità organizzata, Ciangherotti: "Viva Albenga città antimafia"

"Democrazia e libertà sono garantiti costituzionalmente solo se attraverso la legalità"

In prima linea contro la criminalità organizzata, Ciangherotti: "Viva Albenga città antimafia"

Albenga in prima linea contro la criminalità organizzata. Afferma il consigliere di Forza Italia e cnsigliere provinciale Eraldo Ciangherotti: "Democrazia e libertà sono garantiti costituzionalmente solo se attraverso la legalità. E la legalità non può che essere di casa, prima di tutto, in una sede prestigiosa come un Palazzo di Giustizia, oggi diventato sede del liceo e del comando della municipale. Noi non nascondiamo di aver lottato fino all’ultimo contro la decisione degli ultimi governi PD di chiudere il tribunale, perché lo ritenevamo un presidio fondamentale per il territorio. Però, non potendo scegliere, ben venga la nuova scuola e la sede della Municipale". 

"Ed ecco perchè il centrodestra di Albenga ha chiesto al Sindaco Cangiano di intitolare, proprio oggi, questo palazzo ai magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Perchè gli uomini in divisa che lavorano dentro al Palazzo per garantire la sicurezza della città ricordino ogni giorno, a monito delle loro funzioni, chi ha dato la propria vita per lo Stato e perchè gli studenti custodiscano sempre vivo nel bagaglio culturale il ricordo dei magistrati vittime della mafia". 

"Uomini dello Stato che hanno sempre lavorato con tenacia per combattere la criminalità organizzata, che fino alla morte non sono scesi a compromessi di nessun tipo pur di respingere l'attacco sempre più minaccioso lanciato dalle organizzazioni mafiose contro lo Stato democratico. Vedere in prima fila, tra le autorità presenti alla cerimonia di intitolazione, il presidente del Tribunale di Savona dott. Lorena Canaparo e il dott. Alberto Princiotta magistrato coordinatore della sezione giudiziaria distaccata di Albenga per 11 anni dopo aver lavorato a Palermo all'epoca delle stragi, è garanzia ulteriore che le nostre Istituzioni ci difendono e ci preservano costantemente dalla criminalità. VIVA ALBENGA CITTÀ ANTIMAFIA!". 

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium