/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Libera su 3 lati: camera, sala, bagno, cucina con uscita in giardino. Terreno 13.000 mt bosco castagni e frutteto....

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | venerdì 25 maggio 2018, 09:55

Emergenza traffico, Pongiglione (Noi per Savona): "Le autostrade devono essere rafforzate"

Ieri si è tenuto il Convegno sulle infrastrutture organizzato dalla Cisl. Due le richieste: la terza corsia sull'autostrada dei Fiori e il completamento dell'Aurelia bis

 

"Ieri al Campus di Savona si è tenuto il Convegno sulle infrastrutture organizzato dalla Cisl. Deludono le soluzioni proposte dai Politici e dai Rappresentanti del mondo economico e sindacale presenti. Tutti hanno denunciato il collasso del traffico e le pesanti ricadute di questa situazione sull'economia (lavoratori e imprese) e sul turismo, ed è stato rilevato che il trasporto su ferro avviene solo per il 5 % del totale. Unanime la proposta di soluzione: il rafforzamento delle Autostrade!" commenta Daniela Pongiglione di Noi per Savona. 

"Nel dettaglio, è stata fatta la richiesta di una terza corsia dell'Autostrada dei Fiori e il completamento dell'Aurelia bis. Anche le nuove tecnologie al servizio del traffico autostradale: convogli guidati di Tir, collegamenti tra auto per evitare gli ingorghi. Ma non sono stati presi in considerazione (se non marginalmente) la ristrutturazione e il rafforzamento della rete ferroviaria. E anche di fronte all'urgenza degli interventi e alla necessità di realizzare "quanto fattibile concretamente a breve" (come più volte dichiarato), non è emerso come prioritario e subito fattibile il semplice intervento sulla linea ferroviaria della TO- SV (già predisposto e dai costi contenuti)". 

"Siamo veramente delusi e preoccupati. E' stata elogiata oltre ogni dire la piattaforma Maesk, ma le sue conseguenze sul traffico (previste per i prossimi 5-7 anni) non trovano soluzione se non nel nuovo casello di Bossarino (da realizzarsi tra alcuni anni). Ma nessuno dei responsabili ha mai sentito parlare dei sistemi intermodali che in Austria, Svizzera, Germania, consentono il passaggio del traffico pesante solo su rotaia, con un trasporto più efficiente e veloce e con una riduzione netta dell'inquinamento? E neanche l'aspetto ambientale è stato messo sul tavolo" conclude Daniela Pongiglione di Noi per Savona. 

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore