/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

part-time pomeridiano disponibile ponti primaverili e stagione estiva 2018 pescheria friggitoria in Celle Ligure...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | sabato 26 maggio 2018, 12:36

Cairo, convenzione per la gestione del parco dell'Adelasia: le minoranze votano contro

Le minoranze: "Non si può fare una convenzione senza fare una previsione di spesa"; il sindaco Lambertini: "Tutte le valutazioni sono state fatte partendo da una sostenibilità economica. Il Comune non avrà costi perché saranno coperti dai soggetti affidatari"

Gestione del parco dell'Adelasia: la convenzione con la Provincia di Savona viene approvata, ma le minoranze votano contro. Bagarre dialettica ieri sera durante il consiglio comunale di Cairo Montenotte. Al centro dello scontro la sostenibilità economica di tale progetto. 

Come riportato dalla nostra redazione nelle scorse settimane, l'obiettivo dell'amministrazione cairese è quello di potenziare il parco, rendendolo una risorsa turistica importante sia per la cittadina di Cairo, sia per l'intera Val Bormida. 

Attacca il consigliere Giovanni Ligorio: "Non si può fare una convenzione senza fare una previsione di spesa. Gestire il parco dell'Adelasia è impegnativo. Sembra un progetto senza testa né gambe. Se la provincia non riesce ad amministrare la riserva, come farà il comune senza spese in bilancio a far fronte alla gestione". 

Prosegue il consigliere del gruppo 'Cairo Democratica' Giorgia Ferrari: "Ci sembra di approvare una convenzione al buio, troppi elementi sembrano vaghi". 

Replica il sindaco Paolo Lambertini: "Tutte le valutazioni sono state fatte partendo da una sostenibilità economica. Il Comune non avrà costi perché saranno coperti dai soggetti affidatari. La nostra intenzione è quella di fare una bando unico per tutto il patrimonio boschivo comunale (con delle specifiche per quanto riguarda la riserva dell'Adelasia). Facendo cosi, riteniamo che il progetto avrà una forte appetibilità economica. Un altro bando sarà preparato per la gestione della cascina rifugio Miera". 

Graziano De Valle

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore